Sparatoria in Germania. Una persona ha aperto il fuoco nel centro di Espelkamp uccidendo due persone. Il killer è in fuga.

ESPELKAMP (GERMANIA) – Ritorna la paura in Germania dopo una sparatoria avvenuta a Espelkamp. Secondo quanto riferito dall’Adnkronos, una persona ha aperto il fuoco nel centro della cittadina tedesca prima di darsi alla fuga. Il primo bilancio, riportato dai media locali, è di due morti e un ferito.

Non è chiaro il motivo di questo gesto e nessuna ipotesi è esclusa. Sono in corso le indagini e nelle prossime ore ci potrebbero essere importanti novità. La polizia tedesca ha iniziato subito le ricerche del presunto killer.

Paura in Germania, due morti in una sparatoria

La vicenda è avvenuta nella giornata di giovedì 17 giugno. Secondo le prime informazioni, un uomo nel centro della città di Espelskamp ha aperto il fuoco nei confronti di un gruppo di persone. Un uomo e una donna hanno perso la vita, mentre una terza è rimasta ferita anche se non si conoscono le sue condizioni.

Il killer è riuscito a fuggire e le autorità locali hanno iniziato le ricerche per identificarlo e arrestarlo. Le testimonianze delle persone presenti e della ferita potrebbero essere fondamentali per ricostruire quanto successo e capire i motivi della sparatoria.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Polizia
Polizia

Le indagini

Le indagini sono in corso e le autorità locali preferiscono non escludere nessuna ipotesi. La pista più probabile sembra essere quella di un regolamento di conti, ma si valutano anche altre piste almeno fino a quando non si hanno delle certezze su quanto successo.

Una sparatoria che ha portato nuovamente la paura in Germania. Non è la prima volta, infatti, che un episodio simile avviene in una città tedesca. E non si esclude la possibilità da parte del nuovo governo (elezioni in programma a settembre n.d.r.) di arrivare ad una stretta sulle armi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Morte Luana, i risultati della perizia sul ‘macchinario killer’

Violenza di gruppo dopo una festa, due arresti