Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha contratto il Covid. Questo il commento di Matteo Bassetti e Alberto Zangrillo.

Il Covid non è mai una passeggiata: moltissimi individui che hanno contratto il virus hanno avuto pessime esperienze come febbre alta, mal di testa, mancanza di olfatto e gusto e tanto altro. Ebbene, anche i personaggi pubblici contraggono il virus. Tra questi, l’ultimo volto noto a risultare positivo è stato Roberto Speranza, ministro della Salute. Il direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, e il direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele nonché prorettore dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Alberto Zangrillo, hanno commentato il fatto.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Bassetti

Il Covid ha colpito anche il ministro della Salute Speranza. A dimostrazione che le mascherine con Omicron servono a poco. Chi si contagia negli ultimi tempi sono quelli che la hanno usata in maniera più maniacale e che non la hanno mai abbandonata”. Queste le parole di Matteo Bassetti, che ha usato l’episodio per dimostrare che le mascherine non sono utili, al fine di contenere i contagi.

Le dichiarazioni di Zangrillo

“Faccio gli auguri al ministro della Salute, Roberto Speranza, ben consapevole che per un uomo giovane e forte si tratta fortunatamente di un non problema. Dopodiché l’occasione è ghiotta per ribadire che siamo di fronte alla prova regina dell’inutilità assoluta della mascherina. Queste le parole di Alberto Zangrillo, che conclude: “So che così dicendo scatenerò la reazione della rigida ortodossia virologica protezionistica ne sopporterò le conseguenze. Ma al solito la medicina è fatta di competenza, conoscenza della realtà e buonsenso.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-06-2022


Mascherine obbligatorie sui mezzi pubblici

Da luglio, medico di base e pediatra si sceglieranno in farmacia