E’ polemica in Texas per la decisione del governatore di ‘vietare’ lo sport ai transgender. Ecco tutti i dettagli.

WASHINGTON (STATI UNITI) – La decisione del Texas di ‘vietare’ lo sport ai transgender ha provocato diverse polemiche. Come riportato da Fanpage, lo Stato ha approvato a tutti gli atleti delle scuole pubbliche di poter gareggiare con le squadre relative al genere in cui si identificano.

Per questo motivo si potrà partecipare a competizione del genere nativo e non sono mancate critiche nei confronti del governatore, da sempre sulla linea di Donald Trump. In futuro questa misura potrebbe essere portata in tribunale, ma lo Stato non sembra essere intenzionato a fare un passo indietro.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

La misura del Texas sui transgender

Un disegno di legge che sin dall’inizio ha provocato diverse polemiche in Texas. Il provvedimento, approvato dal governatore e dalla sua maggioranza, non consente agli atleti transgender delle scuole pubbliche di poter partecipare con il genere del nuovo sesso.

Una ragazza che, per motivi personali, ha deciso di cambiare sesso non potrà partecipare con i maschi ma solamente con le donne. Una decisione che ha procurato diverse polemiche e nei prossimi giorni non si esclude un ricorso in Tribunale per cercare di avere un passo indietro da parte del governatore.

Casa Bianca
Casa Bianca

Le polemiche

La decisione ha procurato diverse polemiche con molte persone che hanno criticato il provvedimento messo in campo dal governatore del Texas. Nei prossimi giorni non si esclude un ricorso per provare ad avere un passo indietro su un decreto legge.

Non è la prima volta che lo Stato finisce al centro della polemica. Già in passato la norma sull’aborto aveva procurato diverse critiche. Su questo, però, è in corso una battaglia legale e non si escludono delle novità nei prossimi giorni su queste vicende che da tempo provocano polemiche.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 17-10-2021


La Caritas: “Nel 2020 un milione di nuovi poveri”

Haiti, rapiti 17 missionari cristiani degli Stati Uniti