Gli Stati Uniti dichiarano guerra alla Huawei. Il governo ha messo in guardia i Paesi alleati sulle apparecchiature prodotte dai cinesi.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Il governo americano e Huawei sono ufficialmente in guerra. La Casa Bianca – riferisce il Wall Street Journal – ha inviato una lettera ai Paesi alleati dove consiglia di non usare le apparecchiature di rete prodotte dall’azienda sinistra perché mette a rischio la cybersicurezza.

I media locali riferiscono come Donald Trump starebbe pensando di aumentare i fondi per lo sviluppi delle telecomunicazioni in Nazioni che non usano apparecchiature cinesi. La paura da parte degli Stati Uniti è che con questi prodotti il governo cinese potrebbe usare delle tecniche di cyberspionaggio. In questo senso la Casa Bianca è alla ricerca di possibili alleati per continuare la battaglia contro la Huawei. Al momento non c’è stata nessuna risposta da parte degli alleati che continuano a verificare con attenzione la situazione.

Donald Trump
Fonte foto: https://www.facebook.com/uspresidentdonaldtrumpnews/

Huawei risponde agli Stati Uniti: “Tale attività si estende oltre la sua giurisdizione”

La risposta di Huawei non si è fatta attendere. Un portavoce dell’azienda – riportato dall’ANSA – si è detto “sorpreso dai comportamenti del governo americano. Il comportamento si estende oltre la sua giurisdizione e proprio per questo l’attività non dovrebbe essere incoraggiata“.

I prodotti – continua il portavoce – sono utilizzati in tutto il mondo. Servono 46 dei primi 50 operatori mondiali, aziende di Fortune 500 e centinaia di milioni di consumatori. Tutti ci scelgono perché si fidano“.

La battaglia tra Huawei e il governo americano potrebbe non essere finita qui. Il Wall Street Journal precisa che la presa di posizione dovrebbe inserirsi nella tensione tra la Casa Bianca e la Cina dopo l’inserimento dei dazi.

fonte foto copertina https://twitter.com/RedazioneIPost


Pakistan, bomba al mercato: almeno venticinque morti

Vince un premio per il tema contro le armi, 13enne muore colpita da un proiettile vagante