Milan, ecco gli stipendi dei dirigenti rossoneri

Gazidis è il manager che guadagna di più. Lo seguono il direttore tecnico Leonardo e il suo braccio destro Maldini. Scaroni chiude la Top 4.

Milan, Ivan Gazidis è il più pagato tra i dirigenti rossoneri. Lo scrive “Calcio e Finanza”, che fa i conti in tasca ai vertici di via Aldo Rossi. Come detto, in cima a questa speciale classifica c’è l’amministratore delegato con il suo stipendio da 4 milioni di euro lordi, in leggero aumento rispetto alla cifra che il manager sudafricano guadagnava all’Arsenal: nel 2017, infatti, tra parte fissa e bonus, il suo ingaggio era di 2.62 milioni di sterline, pari a circa 2.93 milioni di euro.

Poco più giù ecco Leonardo. Dopo l’esperienza da giocatore e da allenatore (nel 2009-2010, secondo La Gazzetta dello Sport, guadagnava 1.2 milioni di euro netti per guidare i rossoneri), il brasiliano è tornato al Milan per guidare l’area tecnica con un compenso pari a circa 3.5 milioni di euro lordi.

Poco meno del doppio rispetto a quello di Paolo Maldini, il quale, dopo aver rifiutato le proposte di Marco Fassone e della proprietà cinese, ha accettato di rientrare in società con l’arrivo di Leo e del fondo Elliott: lo storico ex capitano milanista avrebbe uno stipendio a 1.8 milioni di euro lordi. Infine, il presidente Paolo Scaroni guadagnerebbe circa 500mila euro – centesimo più, centesimo meno – per guidare il club.

Riccardo Orsolini Lorenzo Pellegrini Leonardo Maldini Milan Everton Deulofeu mercato Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Milan, Champions League ancora possibile

Insomma, un management da quasi 10 milioni di euro lordi. Sarebbe questa, infatti, la cifra complessiva degli stipendi dei quattro top manager del Milan: il presidente Scaroni, l’a.d. Gazidis, il direttore Generale dell’Area Tecnico-Sportiva Leonardo e il Direttore Sviluppo Strategico Area Sport Maldini.

La speranza dei tifosi è che l’attuale dirigenza possa riportare il Milan in alto, dopo anni bui caratterizzati da cambi societari e delusioni in ambito sportivo. La qualificazione alla prossima edizione della Champions League sarebbe un ottimo punto di partenza: la squadra è ancora in corsa per il quarto posto, obiettivo minimo fissato da Elliott a inizio stagione.

ultimo aggiornamento: 13-05-2019

X