Lo stop al roaming in Ue è stato prorogato fino al 2032. Una buona notizia per tutti i cittadini europei.

ROMA – Lo stop al roaming in Ue è stato prorogato fino al 2032. Come riportato dal Corriere della Sera, gli Stati membri hanno trovato l’intesa per confermare l’abolizione di questa misura per un altro decennio e toccherà alle stesse compagnie telefoniche fornire tutte le informazioni sul numero di emergenza europeo 112.

Si tratta di una novità sicuramente importante per tutti i cittadini europei. Per i prossimi dieci anni, dunque, si potrà utilizzare il proprio piano tariffario anche all’esterno.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’addio al roaming nel 2017

L’esperimento deciso nel 2017 ha dato i suoi frutti e così si è deciso per la proroga. Come riportato dal quotidiano italiano, l’abolizione del roaming è entrata in vigore ormai quattro anni fa e i segnali sono stati solamente positivi e da qui la decisione prorogarlo per altri dieci anni.

Non è da escludere una abolizione definitiva in futuro, ma intanto si è preferito solamente arrivare fino al 2032. Nei prossimi anni continuerà sicuramente il confronto per provare ad arrivare ad un’intesa definitiva su questa misura e valutare l’addio al roaming in Ue per sempre.

lavoro pc uomo affari
lavoro pc uomo affari

Sistema tariffario uguale in tutta Europa

Si tratta, come detto, di una ottima notizia per tutti i cittadini europei. Il sistema tariffario continuerà ad essere lo stesso nell’Ue. Una misura che durerà fino al 2032, ma in futuro non si esclude la possibilità di una abolizione definitiva in futuro.

La discussione continuerà nei prossimi mesi per arrivare ad una intesa definitiva. L’obiettivo è quello di arrivare ad un sistema unico. Serve comunque ancora un po’ di tempo perché non tutti sono d’accordo e per questo motivo si dovrà arrivare ad un compromesso condiviso da tutti gli Stati Membri.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-12-2021


Decreto fiscale approvato in Cdm, ecco tutte le novità

Ue, le nuove norme a tutela dei rider: ecco tutti i dettagli