Tensione Usa-Iran, nessun attacco contro Teheran da parte della Casa Bianca. La decisione è stata presa da Donald Trump.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Donald Trump ha deciso di non attaccare l’Iran dopo il drone USA abbattuto nei giorni scorsi. A dirlo è il New York Times che scrive di un presidente americano indeciso sul da farsi. L’ex tycoon – si legge sul tabloid – prima aveva ordinato un attacco militare mentre successivamente ci ha ripensato. Un passo indietro che ha un spaccato la Casa Bianca.

Mike Pomeo, John Bolton e il direttore della CIA, Gian Haspel erano a favore di un attacco ma alla fine il presidente americano ha deciso di seguire la strada del Pentagono, scettico della funzionalità di questo attacco. Il Nyt racconta di ore febbrili alla Casa Bianca per un’operazione che potrebbe avvenire nelle prossime ore.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Donald Trump
Donald Trump

Tensione USA-Iran, la Casa Bianca si spacca

Una spaccatura all’interno della Casa Bianca che non sarà semplice da risanare. L’attacco al drone americano non è piaciuto al segretario di Stato Mike Pompeo che, insieme a Gian Haspel e il consigliere alla sicurezza nazionale, John Bolton, aveva consigliato al presidente Donald Trump una reazione militare.

Un consiglio che il leader americano inizialmente aveva deciso di seguire ma solo dopo poche ore c’è stato il passo indietro. Il New York Times non riesce a dare una spiegazione a quanto successo: “Non è chiaro – scrive il giornale – se abbia cambiato idea o se l’amministrazione abbia rivisto il piano per problemi logistici. Non è chiaro neanche se gli attacchi sono stati solo posticipati“.

Tensione USA-Iran, attacco posticipato?

Donald Trump starebbe pensando ad un attacco poco prima del tramonto per minimizzare i rischi dei civili. Nelle prossime ore dovrebbe avvenire la decisione definitiva con il presidente americano che dovrà far sapere se seguirà la linea dei suoi fedelissimi o quella del Pentagono, sempre contro un’escalation militare.

Il tweet di Donald Trump

A fare luce sulla questione è stato lo stesso Donald Trump, intervenuto su Twitter per piegare quanto accaduto dopo l’abbattimento del drone americano.

“La scorsa notte eravamo pronti a colpire tre diversi siti quando ho chiesto quante persone sarebbero morte. 150 persone è stata la risposta di un generale […].Non ho fretta siamo pronti ad agire. Le sanzioni stanno colpendo e altre ne abbiamo aggiunte la scorsa notte. L’Iran non avrà mai un’arma nucleare, non contro gli Usa e non contro il mondo!”.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


E’ morto Philippe Cerboneschi, il dj Zdar dei Cassius

Migranti, la proposta dalla Germania: a Salvini il Nobel per la Pace