Terremoto di magnitudo 7,6 in Nuova Caledonia, le autorità hanno diramato l’allerta tsunami.

Trema la terra in Nuova Caledonia, dove è stato registrato un terremoto di magnitudo 7,6. Le autorità hanno diramato l’allerta tsunami entro mille chilometri dall’epicentro. L’epicentro del terremoto è stato fissato a circa 168 chilometri a est di Tadine, nell’Oceano Pacifico meridionale.

Terremoto
Fonte foto: https://twitter.com/Agenzia_Ansa

Terremoto di magnitudo 7,6 in Nuova Caledonia, diramata l’allerta tsunami

Il terremoto si sarebbe originato, stando alle prime analisi, a dieci chilometri di profondità. Le autorità hanno fatto sapere che, alla luce dell’ipocentro e della magnitudo della scossa, non è da escludersi da formazione di onde anomale che potrebbero raggiungere la costa.

Non si hanno notizie al momento di feriti o danni agli edifici causati dalla scossa di terremoto che, stando alla descrizione fornita dalla convenzione, ha una potenza potenzialmente distruttiva nelle aree densamente popolate.

Sulla base dei parametri sismologici preliminari […] pericolose onde di tsunami sono possibili sulle coste entro 1.000 chilometri dall’epicentro del terremoto”. Stando agli esperti, le coste della Nuova Caledonia potrebbero essere raggiunte da onde di altezza fino a un massimo di tre metri. Le autorità locali hanno già messo a punto i piani per l’evacuazione della zona e sono costantemente in contatto con il centro geologico statunitense, l’Usgs.

La speranza è che anche questo caso possa risolversi come il terremoto dello scorso agosto, quando un altro terremoto ha colpito la zona creando solo pochi danni ai centri abitati interessati. Anche in quell’occasione, come da protocollo, le autorità diramarono l’allerta tsunami che fortunatamente rientrò in poco tempo senza riscontri.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri evidenza Nuova Caledonia terremoto

ultimo aggiornamento: 05-12-2018


Repubblica Dominicana, star della televisione tenta il suicidio lanciandosi dal terzo piano

Danimarca, gli immigrati irregolari o criminali confinati sull’Isola di Lindholm