Anche la 13esima tappa del Tour de France va a Cavendish. Con questo successo in volata il britannico eguaglia il record di vittorie di Mercx.

Un sontuoso Mark Cavendish (Deceuninck Quick-Step) entra nella leggenda del Tour de France. Il velocista britannica si impone in volata pure alla 13esima tappa della corsa francese sul traguardo di Carcassone, centrando il 34esimo successo nella manifestazione. Raggiunto così Eddy Mercx in cima alla graduatoria dei corridori con il maggior numero di affermazioni alla Grande Boucle. Il nativo dell’Isola di Man la spunta sul danese Morkov, suo compagno di team, e il belga Philipsen. Il campione in carica Todaj Pogacar conserva la maglia gialla.

Tour de France 13a tappa: Yates costretto al ritiro

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Tour de France
Fonte foto: https://www.facebook.com/letour/

A circa 60 km dal traguardo si è verificata una rovinosa caduta in gruppo che ha riguardato vari corridori. Tra di loro Simon Yates, terzo all’ultimo Giro d’Italia e 39esimo della classifica assoluta. L’inglese non ce l’ha fatta a continuare ed è stato obbligato al ritiro. Salutano pure Hamilton e Kluge. Sabato è in programma la tappa numero 14, da Carcassonne a Quillan (183.7 km).

Ordine d’arrivo

1) MARK CAVENDISH (DECEUNINCK) 
2) MICHAEL MORKOV (DECEUNINCK) st
3) JASPER PHILIPSEN (ALPECIN FENIX) st
4) IVAN GARCIA CORTINA (MOVISTAR) st
5) DANNY VAN POPPEL (INTERMARCHE) st

Classifica generale

1) TADEJ POGACAR (UAE TEAM EMIRATES)

2) RIGOBERTO URAN (EF EDUCATION-NIPPO) +5’18”

3) JONAS VINGEGAARD (JUMBO-VISMA) +5’32”

4) RICHARD CARAPAZ (INEOS GRENADIERS) +5’33”

5) BEN O’CONNOR (AG2R CITROEN) +5’58”

6) WILCO KELDERMAN (BORA-HANSGROHE) +6’16”

7) ALEXEY LUTSENKO (ASTANA-PREMIER TECH) +6’30”

8) ENRIC MAS (MOVISTAR TEAM) +7’11”

9) GUILLAUME MARTIN (COFIDIS) +9’29”

10 PEIO BILBAO (BAHRAIN VICTORIOUS) +10’28”

11) MATTIA CATTANEO (DECEUNINCK-QUICK STEP) +15’35”


Giochi olimpici, Londra 1948: la “mammina volante” olandese protagonista assoluta

Giochi olimpici, Helsinki 1952: il trionfo di Zatopek, la locomotiva umana