Mark Cavendish bissa la vittoria ottenuta martedì con una delle sue volate. Il 36enne britannico è a due lunghezze dal record di Mercx.

Mark Cavendish si aggiudica pure la sesta tappa da Tours a Chateauroux. Come ai vecchi tempi, il campione britannico brucia tutti sul tempo e bissa il successo ottenuto martedì a Fougeres. Un successo importantissimo, che lo avvicina ulteriormente al record di Eddy Mercx. Sono, infatti, 32 le vittorie del corridore della Deceuninck Quick-Step alla Grande Boucle: ora il cannibale dista due “misere” lunghezze. 

Tra l’altro, Cavendish aveva fatto sua la prima tappa al Tour de France proprio a Chateauroux nel 2008, quando aveva solamente 23 anni. Poi il bis nel 2011 davanti a Petacchi, quando ne aveva 26. Adesso la stella dell’Isola di Man ha 36 primavere. Eppure, assetato di gloria, rimane un vero osso duro da battere. E ciò nonostante abbia affrontato numerose traversie (era svincolato a inizio anno), compresa la depressione.  

Tour de France 2021: Cavendish l’immortale

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Tour de France
Fonte foto: https://www.facebook.com/letour/

La volata perfetta di Cavendish non ha lasciato scampo agli altri velocisti del gruppo: il belga Philipsen e il francese Bouhanni si sono rispettivamente dovuti accontentare della seconda e della terza piazza. Migliore degli azzurri Sonny Colbrelli, undicesimo. Mathieu Van der Poel resta in giallo.

Domani la Vierzon-Le Creusot, la tappa più lunga dell’intera competizione con 249,1 km e 3 mila metri di dislivelli. Piuttosto ostico il finale con l’inedito Signal d’Uchon (5,7 km al 5,7%) collocato a 18 km dal traguardo.

L’ordine d’arrivo

1) MARK CAVENDISH (DECEUNINCK) 03h 17′ 36″

2) JASPER PHILIPSEN (ALPECIN-FENIX) s.t.

3) NACER BOUHANNI (TEAM ARKEA-SAMSIC) s.t.

4) ARNAUD DEMARE (GROUPAMA-FDJ) s.t.

5) PETER SAGAN (BORA-HANSGROHE) s.t.

La classifica generale

1) MATHIEU VAN DER POEL (ALPECIN-FENIX)  20h 9’18”

2) TADEJ POGACAR (UAE TEAM EMIRATES) +11″

3) WOUT VAN AERT (JUMBO-VISMA) +30″

4) JULIAN ALAPHILIPPE (DECEUNINCK) +48″ 

5) ALEXEY LUTSENKO (ASTANA) +01’21”

6) PIERRE LATOUR (TOTALENERGIES) +01’28”

7) RIGOBERTO URAN (EF EDUCATION-NIPPO) +01’29”

8) JONAS VINGEGAARD (JUMBO-VISMA) +01’43”

9) RICHARD CARAPAZ (INEOS) +01’44”

10) PRIMOZ ROGLIC (JUMBO-VISMA) +01’48”

19) VINCENZO NIBALI (TREK-SEGAFREDO) +02’55”


Pallanuoto, World League maschile: l’Italia chiude al quarto posto

Come sta Alex Zanardi, le parole della moglie Daniela