Tunisia, giovane reporter si dà fuoco in piazza per manifestare contro il governo. Il sindacato di categoria minaccia uno sciopero nazionale.

Tragedia in Tunisia, dove un reporter precario si è dato fuoco in piazza in segno di protesta ed è morto davanti agli occhi dei presenti. Inutile il tentativo di soccorso da parte del personale medico.

 Tunisia, reporter precario si dà fuoco in piazza. Morto

Il reporter ha scelto una piazza simbolica per compiere il suo gesto, ossia la piazza dei Martiri di Kasserine.  Abderrazak Zorgui, il nome del giovane giornalista suicida, ha spiegato i motivi del suo gesto in un video condiviso sulla propria pagina Facebook.

Ambulanza Usa
Fonte foto: https://twitter.com/newsusatrump

L’appello del giovane reporter su Facebook

Il reporter prima del tragico gesto aveva infatti postato un video sulla propria pagina Facebook per invitare i suoi colleghi e tutti i membri della categoria a unirsi alla sua protesta. Aveva mandato un messaggio di denuncia contro il lavoro precario e aveva invitato tutti i giovani a scendere in piazza per combattere per il diritto al lavoro a un futuro migliore.

Il suo appello è stato effettivamente raccolto da un gruppo di manifestanti, riunitisi in piazza dopo la sua morte. Il manipolo di giovani è stato disperso dalla polizia che ha fatto ricorso al lancio di lacrimogeni per sgomberare la piazza.

Il sindacato minaccia uno sciopero generale contro il governo

Ma la morte del giovane reporter non sembra vana. Il sindacato nazionale dei giornalisti ha infatti annunciato la possibilità di uno sciopero generale contro lo Stato, accusato di controllare i media e di aver sminuito il ruolo dei giornalisti, rendendoli funzionari governativi con poca credibilità e poca libertà di espressione.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
esteri giornalisti protesta contro il governo Tunisia

ultimo aggiornamento: 25-12-2018


Incidente aereo in Messico, morta la governatrice di Puebla

Silvia Romano, la polizia: “E’ ancora in Kenya e è in vita”