USA 2020, il Presidente incarica Donald Trump accetta la nomination e lancia la sfida a Joe Biden: ‘La sua agenda è Made in China, la mia interamente americana’.

Come prevedibile il Presidente in carica Donald Trump accetta la nomination per Usa 2020, le prossime presidenziali, e lancia la sfida a Biden e all’idea di America promossa dal suo avversario nella corsa alla Casa Bianca.

Usa 2020, Trump accetta la nomination e lancia la sfida a Biden: La scelta è tra il sogno americano e il socialismo

L’agenda di Joe Biden è Made in China. La mia è completamente americana“, piazza l’affondo Donald Trump. “Queste sono le elezioni più importanti della storia del nostro Paese. Dovete decidere tra sogno americano e agenda socialista“, chiarisce il presidente in carica, che poi inizia un lungo riassunto dei suoi anni alla guida del Paese, ripercorrendo ovviamente i successi e i risultati positivi conseguiti nel corso del mandato.

Dopo aver ritratto e dipinto i suoi successi, The President Trump ha attaccato Biden e l’idea di America attribuitagli, che è leggermente differente da quella che il candidato alla Casa Bianca ha presentato in occasione della Convention.

La scelta è difendere lo stile di vita americano o permettere che venga distrutto […]. Joe Biden ha chiamato l’America un luogo d’ingiustizia politica: Come sperano di guidare il paese, quando in realtà lo vogliono abbattere?“.

Donald Trump
Donald Trump

L’america che verrà: più forte, più sicura e in grado di sconfiggere il coronavirus

Nella fase conclusiva del suo lungo intervento (un’ora e mezza circa), Trump ha parlato anche dell’America che verrà, un’America forte, libera, sicura, in grado di sconfiggere “il virus cinese” grazie al vaccino annunciato per la fine dell’anno.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Donald Trump elezioni usa evidenza politica

ultimo aggiornamento: 28-08-2020


Scuola, Cts: “Distanziamento fondamentale”. De Luca: “Impossibile aprire in queste condizioni”

Migranti, Tar sospende ordinanza Musumeci. Il presidente: “Non ci hanno ascoltato”