Stati Uniti contro Facebook: 48 Stati e la Federal Trade Commission fanno causa al social network. Nel mirino l’acquisizione di Instagram e WhatsApp.

Negli Stati Uniti Facebook è diventato quasi un nemico da combattere, e non la pensa così solo Donald Trump: 48 Stati e la Federal Trade Commission hanno infatti intentato una causa contro il social network per pratiche antitrust.

Stickers Facebook
Fonte foto copertina: https://pixabay.com/it/photos/facebook-internet-rete-sociale-1903445/

Usa, 48 Stati e Ftc fanno causa a Facebook

L’accusa a carico di Facebook è di avere assunto una posizione dominante sul panorama di riferimento procedendo con l’acquisizione di realtà come WhatsApp e Instagram, che a tutti gli effetti erano considerati come i rivali più credibili di Facebook.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Le motivazioni: “Per quasi un decennio ha usato la sua posizione dominate e il suo potere monopolistico per schiacciare i rivali”

Per quasi un decennio, Facebook ha usato la sua posizione dominate e il suo potere monopolistico per schiacciare i rivali e battere la concorrenza, tutto alle spese degli utenti comuni“, si legge nella nota che accompagna la causa spiegandone i motivi. Il comportamento di Facebook avrebbe inoltre penalizzato centinaia di piccole imprese, affossate da quello che, secondo e accuse, sarebbe un comportamento illegale messo in atto dalla società.

Il social networking personale è centrale per la vita di milioni di americani. Le azioni di Facebook per trincerarsi e mantenere il suo monopolio negano ai consumatori i benefici della competizione il nostro obiettivo è fermare la condotta anti-concorrenziale di Facebook e ripristinare la competizione in modo che possano prosperare innovazione e libera concorrenza“, fanno sapere da Ftc come riferito dall’AGI.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
economia Facebook Instagram whatsapp

ultimo aggiornamento: 10-12-2020


Coronavirus, Arcuri: “16mila assunzioni per le vaccinazioni”

Vertice Ue, Conte sulla riforma del Mes: “Italia può giocare ruolo da protagonista”