Cristian Zaccardo, ex di Bologna e Milan, ha analizzato la partita di stasera, sottolineando come la paura di sbagliare possa fare la differenza

Una vita a Bologna, quindi due anni in rossonero. Bologna-Milan non può essere una partita come le altre per Cristian Zaccardo: all’ombra della Torre degli Asinelli il terzino destro è cresciuto, muovendo i suoi primi passi nel grande calcio. Al Milan, giunto ormai sul viale del tramonto, ha invece salutato lo sport ad altissimo livello che, nel corso degli anni, lo ha spinto fino alla conquista del Mondiale nel 2006. Una sfida che vede l’uno contro l’altro due ex compagni di nazionale: Inzaghi e Gattuso.

Zaccardo: Bologna-Milan? “Sarà il match della paura”

Sarà la partita della paura – ribadisce Zaccardo – perché entrambe le squadre devono dare una risposta, visti i recenti risultati. Inzaghi è in difficoltà e se non dovesse vincere, le cose si metterebbero davvero male. Gattuso ha meno da perdere per via della classifica, ma ad Atene non è stato il solito Milan“.

Gattuso e Inzaghi li conosco molto bene. Rino ha in mano la squadra, i ragazzi sono tutti con lui. A Bologna, invece, il clima è cupo e triste. L’avvento di Joe Saputo in società aveva fatto pensare i più a un cambiamento che, in realtà, non c’è mai stato“.

Gonzalo Higuain
Fonte foto: https://twitter.com/acmilan

Zaccardo sul Milan: “Quarto posto? Solo con la continuità”

Il Milan – evidenzia Zaccardo – lo conquisterà solamente se dovesse trovare continuità di risultati. Con alti e bassi, invece, arriverebbe quinto o sesto: dovrà sfruttare al massimo i punti persi per strada adesso dalle squadre romane“.

In merito al Pipita Higuain: “Non è l’assenza di gol, il problema. Ci si attendeva molto di più dal suo carattere e dal carisma che, invece, sta mancando. Dovrebbe essere un trascinatore in campo, ma purtroppo non si è dimostrato tale“.

 

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
bologna calcio milan Serie A zaccardo

ultimo aggiornamento: 18-12-2018


Bologna-Milan: una sfida fra presente e passato, tra Gattuso e Inzaghi

Mercato: Quagliarella rinnova con la Samp, Milan addio