Il M5s dà il via alla rivoluzione. Il vertice Di Maio-Casaleggio-Grillo ha portato all’accordo sulla nuova organizzazione del partito.

ROMA – La nuova era M5s ha avuto il suo inizio nella giornata di giovedì 21 febbraio 2019. Il vertice tra Luigi Di Maio, Davide Casaleggio e Beppe Grillo ha portato all’accordo sulla nuova organizzazione del partito che potrebbe avere i primi risultati già nelle prossime elezioni. “Concordiamo tutti – ha sottolineato il vicepremier al termine del summit riportato dal sito di Repubblica che serva un’organizzazione sia a livello nazionale che territoriale per essere più competitivi alle amministrativa“.

Il ministro del Lavoro si sofferma anche sul caso Diciotti, smentendo qualsiasi possibilità di un dissidio all’interno del partito: “La nostra forza – dichiara Di Maio – è la partecipazione alla democrazia diretta. Ci sono stati dei risultati e circa il 60% ha votato nella direzione di riconoscere l’interesse preminente dello Stato. Io non credo che bisogna usare questo dato per discorsi da Prima Repubblica. Se gli iscritti decidono una linea i senatori devono adeguarsi“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

M5s, la nuova organizzazione per ottenere i risultati nelle amministrative: ecco tutti i dettagli

La sconfitta in Abruzzo non è stata digerita dal M5s che con questa nuova organizzazione cercherà di iniziare ad ottenere i primi risultati anche in campo territoriale. E come fare? Aprendo alle alleanze con le liste civiche che possono portare quella percentuale di voto che alla fine potrebbe essere decisiva.

I primi risultati si potrebbero vedere già dalle prossime amministrative di giugno mentre in Sardegna si cercherà di evitare danni ulteriori. La speranza nelle regionali di domenica prossima è di avere risultati positivi ma le sensazioni della vigilia sono molto simili a quanto successo in Abruzzo. Una sconfitta dei grillini con molti dei loro consensi che sembrano destinati a passare alla Lega e di conseguenza al Centrodestra, vera coalizione favorita.

ultimo aggiornamento: 21-02-2019


Sergio Mattarella: in Italia c’è bisogno di studio e non improvvisazione

Referendum propositivo, sì della Camera. Il testo passa al Senato