Il 14 giugno 1967 il Milan batte il Padova nella finale di Coppa Italia

14 giugno 1967, il Milan vince la prima Coppa Italia

La stagione 1966/67 è opaca per il Milan che conclude il campionato in posizione anonima. Il 14 giugno, tuttavia, i rossoneri guidati dal rientrante Rocco vincono la Coppa Italia (1-0 di Amarildo al Padova).

Nel 1966 il Milan viene rilevato dalla famiglia Carraro, ritrovando quella solidità e sicurezza in seno alla proprietà che erano mancati nelle due stagioni precedenti. In panchina arriva Silvestri, già calciatore rossonero, e in difesa ecco gli innesti di Anquilletti e Rosato che vanno a rimpiazzare capitan Maldini, passato al Torino.

Campionato da dimenticare

A causa del campionato precedente, nella stagione 1966/67 il Diavolo non partecipa alle coppe europee. Nonostante ciò, Rivera e compagni non decollano nell’unico impegno pieno: una serie eccessiva di pareggi impedisce al Milan di decollare. E così, al termine del campionato i rossoneri concludono con un anonimo 8° posto.

Verso la finale di Coppa Italia

Se in campionato il Milan è tutt’altro che splendido, in Coppa Italia i rossoneri si fanno valere, eliminando nell’ordine il Pisa, il Modena, il Torino e il Lecco. Così, il 7 giugno, c’è la semifinale in gara unica in casa della Juventus: al 90′ è 1 a 1 e nei tempi supplementari Amarildo decide in favore degli ospiti, i quali guadagnano l’accesso alla finalissima del torneo.

Inaugurazione stadio Olimpico Roma
Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Stadio_Olimpico_(Roma)#/media/File:Stadio_Olimpico_di_Roma_-_Anni_1950.jpg

Milan-Padova 1-0

Il 14 giugno 1967, all’Olimpico di Roma, si gioca la finale di Coppa Italia Milan-Padova. Silvestri, coadiuvato da Nereo Rocco (pronto a tornare sulla panchina rossonera), schiera: Belli, Anquilletti, Schnellinger, Maddè, Trapattoni, Baveni, Mora, Lodetti, Amarildo, Rivera e Fortunato. La formazione veneta, militante in Serie B, ha eliminato l’Inter in semifinale. Il Milan va subito all’attacco: Rivera ci prova al volo e poi fa la barba al palo; in mezzo, Fortunato colpisce la traversa con un sinistro in acrobazia. Al 49′, poi, Amarildo sblocca la gara con un tocco vincente sotto misura che regala al Diavolo la prima Coppa Italia della storia e la partecipazione alla Coppa delle Coppe.

ultimo aggiornamento: 14-06-2018

X