20 aprile 1996, Torino-Milan 1-1: pareggio rossonero al profumo tricolore

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Nel campionato 1995/96 i rossoneri di Capello tornano a vincere lo scudetto. Il 20 aprile si gioca Torino-Milan: segna Maldini, poi pari granata su rigore. Una settimana più tardi la matematica…

Il Milan di Fabio Capello raggiunge l’apice nel 1994, conquistando il terzo scudetto consecutivo e la Champions League. Alla quarta stagione diretta dal tecnico di Pieris, i rossoneri cedono il passo alla Juventus di Lippi mentre in campo europeo raggiungono per il terzo anno consecutivo la finale della vecchia Coppa dei Campioni, perdendo dall’Ajax.

Obbiettivo tricolore

Per la stagione 1995/96, pertanto, Baresi e compagni si prefiggono come target la riconquista dello scudetto, che sarebbe il quarto nel quinquennio. La società fa come sempre le cose in grande e porta a Milanello gente del calibro di Roberto Baggio e George Weah, entrambi vincitori del Pallone d’Oro.

Allenatori Milan

Fabio Capello (foto: wikipedia)

Subito in fuga

La gestione Capello si conferma abilissima nel partire forte, conquistando la vetta della classifica per poi gestire il vantaggio accumulato sulle inseguitrici. Trascinato da un Weah incontenibile, il Milan fa 15 punti su 18 battendo anche la Juventus a San Siro. Al fianco del liberiano brilla Marco Simone, nella sua migliore stagione con la maglia del Diavolo. La profondità e qualità della rosa consentono ai rossoneri di tenere permanentemente la testa della classifica, perdendo solo il derby di ritorno tra novembre e aprile. L’1-1 in casa della Juventus respinge qualsiasi velleità di rimonta bianconera.

Torino-Milan, punto d’oro

Così, il 20 aprile 1996, a quattro giornate dal termine, il calendario mette in programma Torino-Milan. I granata non hanno più nulla da chiedere al campionato ma offrono comunque una buona prestazione. Capello prova a sfondare il muro con il tridente Baggio-Weah-Simone. A metà della ripresa Maldini trova la rete sugli sviluppi di un calcio d’angolo, con una serie di batti e ribatti in area del Torino. I padroni di casa non demordono e ottengono l’1-1 con Castellini su calcio di rigore. Un punto importante, prologo alla matematica conquista dello scudetto che arriverà una settimana più tardi in casa contro la Fiorentina…

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 20-04-2018

Fabio Acri