Abruzzo al centrodestra, Ronzulli critica il campo largo: "Grande minestrone"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Abruzzo al centrodestra, Ronzulli critica il campo largo: “Grande minestrone”

Licia Ronzulli

Ronzulli commenta la strategia della sinistra in Abruzzo.

La recente vittoria di Marco Marsilio in Abruzzo ha catalizzato l’attenzione politica nazionale, con il centrodestra che si conferma alla guida della regione. Licia Ronzulli, esponente di spicco di Forza Italia, ha offerto un’analisi tagliente a La Stampa, criticando la strategia adottata dalle forze di opposizione.

Licia Ronzulli
Licia Ronzulli

Ronzulli: commento sulla vittoria in Abruzzo

Dare a queste elezioni una valenza politica nazionale è stato un errore, una forzatura della sinistra,” ha dichiarato Ronzulli.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

La senatrice di Forza Italia, ha sottolineato come l’ambizione di creare un “grande minestrone” di partiti contrapposti si sia rivelata fallimentare. La vittoria di Marsilio, che si è attestato con un solido 53,5% contro il 46,5% del suo avversario del centrosinistra Luciano D’Amico, dimostra la solidità e la coesione del centrodestra.

Le conseguenze per il “campo largo”

Il risultato elettorale non solo conferma la leadership di Marsilio ma mette in luce le dinamiche interne alle opposizioni. La senatrice Ronzulli evidenzia una mancanza di coerenza e condivisione di visione tra i partiti di sinistra.

Ciò si contrappone all’unità di intenti che caratterizza il centrodestra: “Noi siamo un popolo che condivide valori, programmi, idee. Le opposizioni no.” Questa frammentazione ha senza dubbio influenzato l’esito delle urne, con Forza Italia che raccoglie un significativo 13,4% dei consensi, totalizzando 7.7841 voti e garantendosi 4 consiglieri regionali.

Il successo in Abruzzo rappresenta per il centrodestra non solo una conferma della propria forza politica ma anche un segnale di allarme per le opposizioni, in particolare per il Partito Democratico. Quest’ultimo vede agitarsi le acque a seguito del “crollo” del Movimento 5 Stelle.

L’epilogo di queste elezioni regionali pone interrogativi cruciali sulla capacità delle forze di opposizione di proporre un’alternativa credibile e unitaria al governo attuale. Inoltre, evidenzia l’importanza di una strategia politica condivisa e coerente in vista delle future sfide elettorali.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2024 14:38

Todde, la verità sulla morte del M5S. Poi la sfida alla Meloni

nl pixel