Afghanistan, attentato a un matrimonio a Kabul, oltre sessanta morti e 180 feriti, Tra le vittime anche donne e bambini, I talebani prendono le distanze.

Sono almeno 63 le persone che hanno perso la vita in occasione dell’ultimo grande attentato a Kabul, in Afghanistan (la cartina), dove un kamikaze si è fatto esplodere durante un matrimonio facendo una vera e propria strage.

Afghanistan, attentato durante un matrimonio: è una strage a Kabul

L’attacco è stato condotto all’interno di una sala destinata alla celebrazione dei matrimoni nel quadrante occidentale di Kabul. L’attentatore ha fatto saltare in aria gli esplosivi quando all’interno della stanza si trovavano centinaia di persone tra cui donne e bambini.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Medioriente
Medioriente

Il bilancio: oltre sessanta vittime e centottanta feriti

Il bilancio, purtroppo non ancora definitivo, parla di almeno 63 persone rimaste uccise e oltre 180 feriti. Tra le vittime, come confermato dalle autorità locali, ci sono anche donne e bambini.

I talebani non rivendicano l’attacco e condannano il gesto

Resta ora da capire la matrice dell’attentato. L’identità delle vittime non sembra fornire particolari indizi agli inquirenti. Tutte le persone morte sono civili e non dovrebbero essere personalità di particolare spicco.

I talebani hanno negato di aver condotto l’attacco e anzi hanno condannato un simile gesto, che è andato a colpire un momento sacro, infrangendo in qualche modo lo strano codice d’onore che regola il sistema.

Nella zona dove è stato condotto il terribile attacco, la predominanza è sciita Hazara. Nella stessa zona della città proprio i talebani avevano condotto un attacco nei giorni scorsi con lo scopo di colpire le forze dell’ordine. In quel caso il bilancio era stato di 14 morti e oltre centoquaranta feriti. Purtroppo anche il quel caso quasi tutti erano civili.


Addio a Richard Williams, il papà di Roger Rabbit

Derby di sangue in Honduras, scontri prima di Olimpia-Motagua