Bakayoko: “Al Milan sei in una squadra vincente. Gattuso? Dopo le parole all’esordio…”

Tiemoué Bakayoko, dopo un esordio difficile, si è preso il centrocampo del Milan. Il francese è una colonna della formazione di Gattuso.

Il centrocampista Tiemoué Bakayoko ha rilasciato una lunga intervista al portale francese Bro Stories. Ecco i passaggi più interessanti delle dichiarazioni del classe ’94 del Milan.

Sul club rossonero

Sono arrivato al Milan e ho incontrato Maldini, una leggenda. È stato speciale essere davanti a lui. Camminare nell’ufficio e vedere i trofei. Conoscere il Milan e viverlo tutti i giorni sono cose differenti, capisci che non è un club qualsiasi, capisci di essere in una squadra vincente, con una bacheca piena di trofei“.

Tiemoue Bakayoko
Fonte foto: https://twitter.com/acmilan

L’arrivo al Milan

Bakayoko ha ricordato i primi giorni in rossonero: “La prima settimana non è andata molto bene. Tutti mi hanno accolto bene, le condizioni erano perfette per esprimersi al meglio. Qualche volta pensi che l’adattamento sta andando bene e veloce e che sei in grado di dare il massimo ma non va così sfortunatamente e i tifosi non erano gentili nei miei confronti. È stato tutto veloce, ho iniziato e non ero felice ma non ero neanche triste per non giocare e non essere schierato dal mister. È successo tutto velocemente dal momento in cui ho capito con certezza che il Milan mi voleva“.

Il rapporto con il mister

Poi Bakayoko si è soffermato su Gattuso, spiegando che inizialmente le cose non andavano proprio al meglio: “Non mi piace cosa ha detto. Non voglio ripeterlo ma sono state parole dure, soprattutto dopo aver giocato solamente venti minuti nella mia prima partita (a Napoli, ndr). Non mi è piaciuto che è stato duro subito e gliel’ho detto. Ora va meglio. Conosciamo il suo carattere, Gattuso è un allenatore e uomo combattente. Ha voluto – spiga ancora l’ex Chelsea trasmettermi lo spirito che probabilmente io non avevo. Lo spirito da combattente io l’ho costruito qua. Lui è come una figura paterna. Il nostro rapporto è il massimo. Parliamo di tutto. È bello avere un rapporto di questo tipo con l’allenatore“.

ultimo aggiornamento: 15-02-2019

X