Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha scritto una lettera a Avvenire, nella quale ha affrontato i temi del rapporto tra fede e politica, della tutela della vita umana e dell’accoglienza.

MILANO – Silvio Berlusconi ha scritto una lettera a Avvenire. Il leader di Forza Italia ha toccato diversi temi, in particolare il rapporto tra fede e politica, la tutela della vita umana e l’accoglienza.

“No a strumentalizzazioni della fede”

Non si può strumentalizzare la fede cristiana piegandola a politiche o di partito. Essere liberali e cristiani per noi significa la tutela della vita in ogni sua forma e in ogni suo momento, dal concepimento alla morte naturale“.

Berlusconi sulla tutela della vita

L’idea di Europa che nasce dall’incontro fra la cultura greco-romana ei valori giudaico-cristiani. Due forme di universalismo che insieme hanno definito il valore della persona, soggetto portatore di diritti sacri e inviolabili, diritti che non è lo Stato a concedere, ma che lo Stato ha il dovere di riconoscere e tutelare“, ha ricordato Berlusconi sul quotidiano dei vescovi.

Silvio Berlusconi
fonte foto https://www.facebook.com/legasalvinipremier/

L’azione dell’Europa sui migranti

Il leader di FI, quindi, ha affrontato anche la questione migratoria, sottolineando il “duplice dovere dell’Europa: da un lato quello di farsi carico dell‘accoglienza in modo solidale, senza lasciarne l’onere solo sui Paesi, come l’Italia, più esposti alle ondate migratorie, dall’altro quella di essere promotrice di stabilità e di sviluppo nei Paesi a sud del Mediterraneo in modo da prosciugare alle radici l’esigenza stessa di emigrare. Questi sono i valori fondativi del Partito Popolare Europeo, che siamo orgogliosi di rappresentare in Italia.“.

ultimo aggiornamento: 25-09-2021


Inchiesta sul caso Durigon, Fanpage: “Revocati sequestro e oscuramento del sito”

Beppe Grillo trasforma Virginia Raggi in gladiatrice: “Avanti con coraggio”