Milan, Berlusconi: “Donnarumma è un bravo ragazzo, non va giudicato male”

L’ex premier ha parlato nuovamente di Donnarumma: “Si trova davanti a scelte difficili e con somme importanti”.

chiudi

Caricamento Player...

“Farei di tutto per non lasciar partire Donnarumma. Con le mie doti avrei trovato una strada per farlo restare al Milan e poi fargli fare il grande colpo della vita”. Queste dichiarazioni di Silvio Berlusconi risalgono a pochi giorni fa. Ebbene, stamane il Cavaliere è tornato nuovamente a parlare del portiere rossonero, stavolta ai microfoni di La7: “Tradiscono più i calciatori o i politici? I giocatori sono professionisti – ha dichiarato l’ex presidente milanista – fa parte della loro professione cambiare squadra. Donnarumma è un bravissimo ragazzo di diciotto anni che si trova davanti a scelte difficili e con somme importanti. Non bisogna giudicarlo male. Invece, sono stati cinquecento i politici che hanno cambiato casacca in questa legislatura, sovvertendo il voto degli italiani”.

Mercato Milan, c’è ancora uno spiraglio per il rinnovo di Gigio

Per la seconda volta nel giro di pochi giorni, dunque, Berlusconi ha assolto Donnarumma. Il giovane estremo difensore non ha ancora sciolto le riserve sul suo futuro, cosa che, con ogni probabilità, farà al termine dell’Europeo Under 21. Le possibilità che Gigio rinnovi il suo contratto con il Milan sono aumentate parecchio negli ultimi giorni. Marco Fassone e Mino Raiola sono al lavoro per trovare una soluzione che accontenti tutti.