Virginia Raggi accompagna la Digosi alla sede romana di CasaPound per notificare il provvedimento di rimozione della scritta sulla facciata dell’edificio.

Blitz di Virginia Raggi contro CasaPound. Prosegue lo scontro tra la sindaca di Roma e il movimento di estrema destra che ha da poco rinunciato alla sua esperienza di partito preferendo tornare alla origini. Nel corso degli ultimi mesi la prima cittadina della Capitale ha chiesto a gran voce lo sgombero dell’edificio occupato.

CasaPound
Fonte foto: https://www.facebook.com/casapounditalia

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Roma, blitz di Virginia Raggi alla sede di CasaPound: Togliere la scritta dalla facciata dell’edificio

Dopo le scintille con Matteo Salvini, Virginia Raggi ha deciso di recarsi personalmente (accompagnata dagli uomini delle Forze dell’Ordine) alla sede di CasaPound, dove gli uomini della Digos hanno notificato ai vertici del movimento la richiesta di rimuovere la scritta che campeggia sulla facciata del palazzo che sorge in via Napoleone III.

Ripristiniamo la legalità. Oggi notificato atto che impone di eliminare la scritta abusiva di Casapound dall’edificio occupato in via Napoleone III simbolo della prepotenza“, ha scritto Virginia Raggi sulla propria pagina Twitter rilanciando la sfida al movimento di estrema destra.

Di seguito il tweet di Virginia Raggi

Marsella: Aspetto la Raggi davanti all’ex colonia Vittorio Emanuele di Ostia….

Immediata la reazione di CasaPound, affidata a un messaggio di Marsella, consigliere al X Municipio:

All’azione della sindaca ha risposto Luca Marsella, consigliere di Casapound del X Municipio: “Aspetto la Raggi, anche davanti all’ex colonia Vittorio Emanuele di Ostia occupata da centinaia di immigrati. A differenza di Casapound, questo è un immobile del Comune di Roma dove il sindaco ha facoltà di intervenire ma non lo fa. Anzi, paga le utenze agli occupanti. Oggi si è presentata in via Napoleone III perché evidentemente non ha digerito la mia denuncia“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 25-07-2019


Video alla guida prima dell’incidente, morto anche il secondo bambino

RAI, nuovi guai per Piero Marrazzo