Il 24 maggio 1941 nasce Bob Dylan. Cambia il cognome anagrafico di Zimmerman, debutta nel 1962 e diventa una delle voci musicali più importante di sempre.

Il 24 maggio 1941, nella cittadina di Duluth (Minnesota), nasce Bob Dylan, uno dei più grandi artisti musicali del XX secolo. All’anagrafe il cognome è Zimmerman ma quando egli diventa adulto lo cambia legalmente. A 10 anni scappa di casa!

Il primo disco

Nel 1962 Bob Dylan pubblica il primo disco: è una raccolta di brani tradizionali (tra cui la celebre House Of The Rising Sun, ripresa in seguito dal gruppo The Animals e In My Time Of Dyin, rivisitata dai Led Zeppelin). Due sole le canzoni originali scritte da Dylan: Talkin’ New York e l’omaggio al maestro Guthrie Song To Woody.

https://www.youtube.com/watch?v=kHjzuqq3b44

Bob Dylan, il successo con canzoni iconiche come Blowin’ in The Wind

L’anno successivo arriva la seconda pubblicazione che contiene il singolo Blowin’ in the wind, uno dei suoi più grandi successi.

In questi anni, quelli che precedono la contestazione, l’artista scrive una grande quantità di brani di protesta, canzoni destinate a lasciare il segno nella comunità folk e a diventare dei veri e propri inni dei militanti per i diritti civili: ne fanno parte Masters Of War, Don’t Think Twice It’s All Right, A Hard Rain’s A-Gonna Fall.

Premi e riconoscimenti

Nel trentesimo anno dall’uscita del primo album, la sua casa discografica, la Columbia, decide di organizzare un concerto in suo onore al Madison Square Garden di New York.

Nell’aprile del 2008 il prestigioso premio Pulitzer per il giornalismo ha insignito Bob Dylan, quale cantautore più influente dell’ultimo mezzo secolo, di un riconoscimento alla carriera.

Le migliori canzoni di Bob Dylan

Individuare le migliori canzoni di Bob Dylan è un’impresa impossibile. Quello che possiamo fare è proporre alcune delle canzoni più iconiche e famose, quelle che proprio tutti conoscono o devono conoscere.

Like a Rolling Stone

Like a Rolling Stone. Parliamo di una canzone iconica, che ancora oggi fa cantare e suonare, fischiare e sorridere.

Blowin’ in the wind

E a proposito di canzoni famose e conosciute da tutti in tutto il mondo, Blowin’ in the wind, una canzone carica di significato, di energia, di passione ma anche di politica. Forse soprattutto di una visione del mondo.

Knockin’on Heaven’s Door

Parliamo forse di una delle canzoni con più cover in assoluto. L’abbiamo conosciuta riadattata in modi diversi, affascinanti, a volte anche stravaganti. Ma il fascino dell’originale forse non si batte.


23 maggio 1945, Heinrich Himmler si suicida con il cianuro. Aveva pianificato “la soluzione finale”

Chi è Giacomo Raspadori