Borse 24 agosto 2021, Milano chiude la seduta in negativo. In rialzo i mercati asiatici.

MILANO – Borse 24 agosto 2021. Dopo il buon trend registrato nella sessione di apertura, i mercati sono ritornati contrastati per le incertezze dovute al coronavirus. La variante Delta, come detto in più di un’occasione, resta un fattore importante per l’economia e sicuramente le prossime settimane sono pieni di dubbi sulla ripartenza.

Sicuramente la giornata era iniziata bene per l’obbligo vaccinale deciso dalla Fda, ma con il passare del tempo la situazione è ritornata piena di incertezze. Il cambio di passo, almeno vedendo la reazione dei mercati, potrebbe avvenire solamente in caso di una linea simile anche in Europa. E la seduta di mercoledì, almeno nelle sue prime battute, potrebbe essere condizionata anche dal primo sì arrivato dagli Usa alla manovra da 3.500 miliardi.

Bene i mercati asiatici, Milano cauta

Dopo una apertura in rialzo, Milano è tornata in negativa con un -0,14% per poi chiudere la seduta con un minimo ribasso dello 0,07%. Male anche Parigi (-0,28%), mentre Francoforte e Londra hanno registrato un aumento dello 0,33% e dello 0,24%.

Chiusura positiva, invece, in Asia. In forte rialzo sia Hong Kong (+2,26%) e Shanghai (+1,06%), mentre Tokyo ha registrato un verde dello 0,86%. Bene Seul (+1,56%). Un trend che potrebbe essere confermato per la nuova giornata in rialzo di Wall Street. La migliore ancora una volta è stata il Nasdaq con un guadagno dello 0,52%. Crescita dello 0,09%, invece, per il Dow Jones.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in ribasso

Continua il suo andamento misto lo spread. Il differenziale ha chiuso in area 105 punti (dai 106 di partenza), con il decennale che si è assestato allo 0,57%. Ritorna in rialzo, invece, l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1754 dollari e 128,93 yen.

Per quanto riguarda il petrolio, invece, il Brent ha raggiunto quota 70 dollari al barile con un rialzo del 2,79%. Bene anche il contratto Wti in scadenza a settembre (+2,62% a 67,35 dollari al barile).


Quarantena Covid, per i lavoratori un danno da 600 euro in busta paga

La Cina riapre il porto più importante, via alle restrizioni