Borse 3 agosto 2021, nuova giornata importante per i mercati. Milano ritorna in positivo.

MILANO – Borse 3 agosto 2021. Dopo una apertura di settimana mista, una seconda seduta che si è confermata incerta per i mercati del Vecchio Continente. La variante Delta continua ad essere uno dei pericoli principali per il futuro dell’economia e i prossimi giorni saranno fondamentali.

Il mese di agosto molto probabilmente vedrà sedute positive alternarsi a giornate negative. La speranza è quella di avere il cambio di passo definitivo da settembre, con gli investitori che potrebbero iniziare a puntare molto sui mercati in caso di una ripartenza di tutti i settori. Ma molto dipenderà dall’andamento dell’epidemia e dai numeri che si registreranno nelle prossime settimane.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Mercati asiatici contrastati, Milano in positivo

Chiusura in positivo per Milano dopo un inizio di settimana complicata. Piazza Affari ha guadagnato lo 0,04%. Bene Stellantis (+4,02%), mentre Ferrari ha lasciato per strada il 4,02%. Andamento misto anche degli altri indici del Vecchio Continente. La migliore di questa giornata è stata Parigi con un guadagno dello 0,72%. Bene anche Londra (-0,33%), mentre Francoforte ha lasciato per strada lo 0,09%.

I mercati asiatici sono ritornati in rosso. La peggiore è stata Tokyo con un -0,68%. Leggermente meglio, ma sempre con il segno meno davanti, Shanghai (-0,28%) e Hong Kong (-0,3%). Un trend che potrebbe non essere confermato nella seduta di mercoledì visto il buon andamento di Wall Street. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,80. Il Nasdaq lo 0,55%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread stabile

Per lo spread una nuova giornata stabile. Il differenziale ha chiuso in area 105 punti base, con il decennale che si è assestato intorno allo 0,57%. Un andamento che conferma qualche incertezza dei mercati. Ritorna in rosso, invece, l’euro. La moneta del Vecchio Continente ha chiuso con un -0,07% passando di mano a 1,1859 dollari e 129,22 yen.

Ancora in difficoltà il petrolio. Il contratto Wti, in scadenza a settembre, ha lasciato per strada il 2,48% terminando la giornata a 69,4 dollari al barile. Male anche il Brent a 71,5 dollari al barile (-2,03%).

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-08-2021


Confcommercio: “Tra il 2000 e il 2019 due milioni in meno di giovani occupati”

Rifinanziati gli incentivi per le auto, mancano i regolamenti per le vetture usate