Il Btp Italia anti-Covid parte con il turbo: gli ordini hanno superato i quattro miliardi di euro. Giappone in recessione.

MILANO – Il Btp Italia anti-Covid è partito con il turbo. Nel primo giorno gli ordini hanno superato i 4 miliardi di euro. Una cifra destinata a crescere nei prossimi giorni con Milano che apprezza e chiude le contrattazioni con un progresso del +3,26%.

E’ stata una seduta positiva per tutti gli indici europei che hanno avuto una crescita maggiore di Piazza Affari. La migliore è stata Francoforte con un 5,67%. Londra (+5,16%) e Parigi (+4,3%) subito in scia.

Giappone in recessione, Tokyo non ne risente

Il Giappone ritorna in recessione. Il Pil nel primo trimestre dell’anno in corso ha registrato una contrazione del 3,4% dopo il 7,3% del quarto trimestre dell’anno precedenti. Numeri che non spaventano la Borsa con Tokyo che al termine delle contrattazioni ha registrato un +0,48%, seconda tra gli indici asiatici, visto che Seul (+0,51%) è stata la migliore.

Da segnalare anche una seduta positiva per Wall Street. La notizia sul vaccino ha dato una spinta agli indici americani con il Dow Jones che ha un progresso del 3,2% mentre il Nasdaq del 2,3%. Una riapertura di settimana, quindi, positivi dopo una precedente che ha visto soprattutto perdite.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Wall Street
Wall Street

Spread in calo

I mercati aprono in positivo e lo spread scende sotto i 220 punti base. La curva ha chiuso in area 215 con il decennale che è calato all’1,66%. Una seduta positiva aiutata anche dalla nuova emissione di Btp Italia che in un solo giorno hanno superato i 4 miliardi di ordini.

Il petrolio continua la sua risalita. Il contratto Wti con scadenza a giugno dopo due mesi è ritornato sopra i 30 dollari (33,28) aiutato dalla ripresa delle attività produttive. Bene anche l’oro con un +1,10% a 1.762,8 dollari. L’euro passa di mano a 1,0858 dollari e 116,61 yen.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.

ultimo aggiornamento: 18-05-2020


Coronavirus, per i Comuni perdite del 65% delle entrate

La proposta di Francia e Germania: “Recovery fund da 500 miliardi”