Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini, è stato arrestato con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico mafioso.

CATANZARO – Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini, è stato posto agli arresti domiciliari dai carabinieri.

Chi è il presidente del Consiglio regionale della Calabria

Nato a Catanzaro il 29 gennaio 1952, Domenico Tallini è sposato e ha due figli. Perito elettrotecnico ed elettronico, è dipendente Enel. Il suo impegno politico è cominciato nelle file della Giovane Italia. E’ stato per circa 25 anni in Consiglio comunale di Catanzaro. E’ entrato per la prima volta nel 1981 nelle liste del Msi e nel 1993 ha ricoperto l’incarico di assessore comunale allo Sport e agli Affari generali. Nel 1999 è stato anche assessore provinciale (Pubblica istruzione e Programmazione territoriale) e si è candidato alle regionali del 2000, nella lista di Forza Italia.

L’arresto di Domenico Tallini per i presunti rapporti con i Grande Aracri

Il 68enne esponente di Forza Italia deve rispondere delle accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico mafioso. L’indagine che ha portato all’arresto di Tallini riguarda i suoi presunti rapporti con la cosca Grande Aracri della ‘ndrangheta.
Secondo l’accusa, i rapporti di Domenico Tallini con il clan avrebbero riguardato la costituzione di una società, con base a Catanzaro, finalizzata alla distribuzione all’ingrosso di prodotti medicinali mediante una rete di punti vendita costituiti da farmacie e parafarmacie (20 in Calabria, due in Puglia e una in Emilia Romagna).

https://www.youtube.com/watch?v=mp7KPUY4T8E&ab_channel=LaC

L’accusa: scambio politico-mafioso

Tallini avrebbe fornito supporto alla cosca, specie nella fase di avvio del progetto ed il suo intervento, secondo quanto riferiscono i carabinieri, sarebbe stato ricambiato anche con il sostegno della cosca alle elezioni regionali del novembre 2014. Il contributo di Tallini sarebbe stato decisivo per favorire e accelerare l’iter burocratico inziale per ottenere le necessarie autorizzazioni per la costituzione della società per la distribuzione di medicinali.


Simona Ventura in tribunale per dichiarazione infedele dei redditi

Taormina, Rsa multata di 130 mila euro per aver impiegato 36 dipendenti in nero