Crisanti, Bassetti e Pregliasco presentano a Un giorno da Pecora la canzone di Natale ‘Sì Sì Vax’. Il video diventa virale, non mancano le polemiche.

Ha fatto in poco tempo il giro della rete la canzone Sì Vax del trio dei virologi composto da Andrea Crisanti, Matteo Bassetti e Fabrizio Pregliasco. Il mini-brano è stato presentato durante la trasmissione Un giorno da pecora, in onda su RAI Radio 1. Le note sono quelle di Jingle bells, il testo è originale, nel senso che nasce dall’estro creativo dei tre virologi. Il messaggio è chiaro: vacciniamoci tutti per un Natale sereno e un nuovo anno migliore di quello che abbiamo appena trascorso.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Sì Sì Vax, la canzone di Bassetti, Pregliasco e Crisanti, il Trio Virologi

Non ce ne vogliano i tre virologi, ma nessuno sembra spiccare per particolari doti canore. Non che l’intento fosse quello di aprirsi le porte del mondo della musica, ma visto che parliamo di una canzone l’appunto è doveroso. Scherzi a parte, riprendendo le note della nota canzone di Natale Jingle bells, Crisanti, Bassetti e Pregliasco hanno voluto mandare un messaggio a tutti: Sì sì sì, sì sì vax, vacciniamoci, recita il ritornello della canzone.

La canzone virale

L’intento era ovviamente quello di divertirsi e di mandare un messaggio importante in forma leggera. E l’iniziativa ha avuto successo, nel senso che la canzone è diventata effettivamente virale. Certo, non sono mancate e non mancano le polemiche, ma il video ha fatto davvero il giro della rete. Quindi il messaggio è arrivato ad un gran numero di persone. Persone che sicuramente si sono fatte una bella risata e che magari hanno deciso di prenotare il vaccino. Così, per merito di una canzoncina cantata da tre virologi che hanno avuto il coraggio di metterci la faccia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 21-12-2021


Si sente male a scuola e si accascia a terra: morta ragazza di 12 anni

Morte Libero De Rienzo, rinviato a giudizio il pusher