Chi è Matteo Pessina, la carriera e la vita privata del centrocampista cresciuto nel Monza e attualmente in forza all’Atalanta.

ROMA – E’ Matteo Pessina il prescelto da Roberto Mancini per sostituire l’infortunato Stefano Sensi agli Europei. Il centrocampista lombardo ha sempre messo in difficoltà il commissario tecnico che in un primo momento lo aveva escluso per dare spazio a Cristante. Poi l’infortunio del giocatore dell’Inter ha permesso al Mancio di chiamarlo per la competizione continentale.

Chi è Matteo Pessina, la carriera del centrocampista italiano

Nato a Monza il 21 aprile 1997, Matteo Pessina è cresciuto nelle giovanili della squadra della sua città. Proprio i brianzoli gli hanno dato la possibilità di esordire tra i professionisti. Una prima esperienza nel calcio che conta non fortunata visto il fallimento della società e lo svincolo.

Le sue qualità, comunque, non sono passate inosservate al Milan che lo tessera e gli permette di fare esperienza con le maglie di Lecce, Como e Spezia. Prestazioni che non hanno convinto i rossoneri tanto da venderlo a titolo definitivo all’Atalanta. Una stagione con il club orobico prima di accettare la proposta del Verona. Proprio con gli scaligeri l’exploit tanto da convincere Gasperini a tenerlo in rosa nella stagione 2020-2021 e Mancini a convocarlo per gli Europei.

Lo stipendio

Attualmente il giocatore dell’Atalanta ha uno stipendio da 400mila euro, cifra destinata ad aumentare nelle prossime settimane. Il club orobico, infatti, è al lavoro per rinnovare il contratto del giocatore e blindarlo dalle voci di mercato che lo vorrebbero lontano da Bergamo.

Matteo Pessina
Matteo Pessina

La vita privata di Matteo Pessina

Della vita fuori dal campo del giocatore lombardo si sa ben poco. Non è chiaro se sia fidanzato e molto probabilmente nelle prossime settimane si saprà di più anche per la sua partecipazione agli Europei. Le uniche informazioni che si conoscono riguardano l’iscrizione all’università alla facoltà di Economia.


Intervista a Peppe Vallone

Chi era Guglielmo Epifani