Chi è Peng Shuai, la tennista cinese scomparsa dopo aver confessato di essere stata abusata da un politico.

ROMA – Chi è Peng Shuai, la tennista cinese scomparsa dopo aver ammesso di essere stata violentata da un politico. Ecco tutte le informazioni che sappiamo su di lei.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Chi è Peng Shuai

Nata a Xiangtan l’8 gennaio 1986, Peng Shuai si è avvicinato al tennis sin da piccola e l’esordio tra i professionisti è avvenuto nel 2001. Da quel momento la sua carriera è proseguita su due binari. Il più importante è stato sicuramente il doppio, raggiungendo i vertici della classifica mondiale insieme alla compagna Su-Wei Hsieh. Meno redditizia, almeno dal punto di vista dei risultati quella singolare con la semifinale degli US Open nel 2014 come il suo risultato migliore.

La racchetta al chiodo è stata appesa ormai da qualche anno, ma il suo nome resterà per sempre ricordato anche per il suo impegno per cercare di far rispettare i diritti della donna in Cina.

Tennis
Tennis

La scomparsa

Il caso Peng è scoppiato il 2 novembre 2021 dopo la pubblicazione di un lungo messaggio dove accusava l’ex vicepremier cinese di violenza sessuale. Un post che è stato rimosso poco dopo ma, nonostante questo, aveva già fatto il giro del mondo.

La vicenda della tennista, così, è diventata di dominio pubblico e in molti hanno espresso solidarietà nei suoi confronti. Ma dall’11 novembre non si hanno più notizie. In una lettera inviata alla WTA, la sportiva ha garantito di essere al sicuro e di stare bene, ma in molti non credono all’autenticità di questa lettera. Per questo motivo i vertici del tennis hanno chiesto a Pechino di indagare su questa vicenda e soprattutto liberare il prima possibile Peng. E non si escludono delle ripercussioni anche nelle prossime Olimpiadi invernali con molti Paesi che potrebbero disertare la manifestazione.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 19-11-2021


Chi è Sergio Aguero. Sai come nasce il suo soprannome?

Antonio Pappalardo, chi è l’ex generale dei Carabinieri e leader dei gilet arancioni