Siciliano, nato nel 1943, Antonio Pappalardo ha lasciato l’Arma dei Carabinieri con il grado di generale. Deputato con il Psdi, ora capeggia i gilet arancioni.

Antonio Pappalardo è venuto alla ribalta in occasione delle manifestazioni dei gilet arancioni. È leader dell’omonimo movimento politico comparso per la prima volta nelle recenti elezioni regionali dell’Umbria.

https://www.youtube.com/watch?v=7a-mvGOg_Fw

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Antonio Pappalardo, ex generale dei Carabinieri

Nato a Palermo nel 1943, il nome di Antonio Pappalardo è già noto alle cronache in quanto a lungo ufficiale dell’Arma, nonché deputato e uomo di Governo negli Anni ’90.
Nel 2006 si è congedato dai Carabinieri con il grado di generale di brigata. E’ stato presidente del Cocer, istituendo il sindacato dei militari. Fecero scalpore alcune sue dichiarazioni che paventavano la possibilità di un colpo di stato.

La carriera politica

Le sue prime esperienze politiche risalgono come detto già agli anni ’90: nel 1992 venne eletto deputato come indipendente nelle liste del PSDI, diventando vicepresidente della Commissione Difesa. Si è poi candidato a sindaco di Pomezia con Solidarietà democratica, movimento politico da lui fondato, che prese il 13%. Nel 1993 venne nominato sottosegretario di stato alle Finanze del Governo Ciampi, incaricato da cui venne destituito dopo pochi giorni. Aderì al Patto Segni e nel 1994 si candidò come indipendente con Alleanza Nazionale alle elezioni europee. In anni più recenti, ha tentato di candidarsi al Senato nel 2001 con la Lega d’Azione Meridionale e nel 2008 con il Movimento per le Autonomie.

ultimo aggiornamento: 27-09-2021


Chi è Luca Morisi, il ‘creatore’ della Bestia e del Capitano Matteo Salvini

Gamal Abd el Nasser, il presidente dell’Egitto