La mozione del Centrodestra in Senato per accelerare con le riaperture. Pd e Speranza sempre più ‘isolati’.

ROMA – Una mozione del Centrodestra in Senato per accelerare con le riaperture. E’ questa l’ultima mossa di Forza Italia e Lega per mettere sempre più pressione sul premier Draghi. Nonostante la cautela di Pd e del ministro Speranza, il fronte degli aperturisti sembra aumentare di giorno in giorno e nell’ultima riunione di governo i ministri Giorgetti e Gelmini, sostenuti da Iv e M5s, hanno chiesto al presidente del Consiglio di convocare entro questa settimana una cabina di regia per fare il check.

Una accelerazione arrivata dopo le indiscrezioni delle ultime ore che ipotizzavano una decisione rinviata al prossimo weekend per avere un quadro epidemiologico più chiaro. La presidenza del Consiglio, però, ha garantito il proprio impegno a valutare i dati entro il weekend.

La mozione del Centrodestra

Il Centrodestra con una mozione ha chiesto al governo di “revisionare e aggiornare i parametri per la valutazione del rischio epidemiologico per la zonizzazione e anche di assumere ogni utile iniziativa volta a superare l’attuale regime di coprifuoco, in linea con quanto fatto dagli altri paesi europei e a prevedere un’anticipazione delle riaperture e della ripresa delle attività previste per i mesi di giugno e luglio“.

Nella mozione, riportata dall’Adnkronos, è chiesto anche di “riaprire i centri commerciali e permettere in sicurezza l’organizzazione delle cerimonie e nelle zone a basso rischio di contagio in sicurezza la ristorazione al chiuso e consumo di cibi e bevande al banco nelle attività che lo prevedono“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Presto una cabina di regia

Il pressing del Centrodestra dovrebbe portare ad una cabina di regia nei prossimi giorni per ragionare sulle riaperture e su un possibile allentamento del coprifuoco. Il premier Draghi anche in questo caso sarà chiamato a trovare un compromesso per evitare altre tensioni.

TAG:
governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 11-05-2021


Nuovo decreto, il coprifuoco resta

Slittano le riaperture, Draghi prende tempo