Coronavirus, il bollettino della Protezione Civile di mercoledì 27 maggio

Coronavirus, oltre 33mila decessi da inizio epidemia

Coronavirus, il bollettino della Protezione Civile di mercoledì 27 maggio 2020: leggero aumento dei positivi.

ROMA – Il bollettino della Protezione Civile di mercoledì 27 maggio 2020 inverte leggermente il trend del coronavirus degli ultimi giorni. I contagi ritornano a salire con il numero complessivo che è ritornato a superare la soglia 500 con una crescita pari al 0,3%.

Resta stabile, invece, il rapporto tra tamponi fatti e malati trovati che è anche nelle ultime 24 ore è stato dello 0,9%.

Coronavirus in Italia, il bilancio di mercoledì 27 maggio 2020

584 contagi, 117 vittime e 2.443 guariti. E’ questo il bilancio comunicato dalla Protezione Civile che conferma una leggera crescita dei contagi rispetto alle giornate precedenti. Un trend in salita strettamente collegato alla Lombardia che ancora una volta ha registrato più della metà dei casi totali.

Ritornano a salire anche la curva dei contagi. Dopo diverso tempo il numero complessivo dei morti in 24 ore è stato pari a 117 unità mentre negli ultimi tre giorni la cifra non aveva raggiunto le tre cifre. Continuano a diminuire, invece, la pressione sui servizi sanitari. Sono 16 le persone in meno in terapia intensiva mentre 188 quelle ricoverate. In netta diminuzione anche quelle in isolamento domiciliare (1.772 unità rispetto al giorno precedente).

Il calo dei malati registrato è stato di 1.976 unità con i guariti che in un giorno sono stati 2.443.

Dati Covid 27 maggio 2020
Dati 27 maggio (fonte foto comunicato stampa)

Salgono i contagi in Lombardia, nelle Marche per la prima volta ‘zero casi’

Ritornano a salire i numeri in Lombardia con 384 positivi in sole 24 ore anche nei dati dovrebbero essere compresi dei risultati di test risalenti a qualche giorno fa. L’altro dato importante da segnalare è quello delle Marche che per la prima volta da inizio epidemia non hanno registrato contagi.

Nessun caso anche in Basilicata, Umbria, Valle d’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano mentre sono cresciuti in Sardegna e Calabria dopo diversi giorni non si erano avuti casi.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus

fonte foto copertina comunicato stampa

ultimo aggiornamento: 28-05-2020

X