La decisione dei Tribunale per i minorenni di Milano: il tutore di Eitan sarà un professionista estraneo alle due famiglie.

Il Tribunale dei minori di Milano ha stabilito che il tutore di Eitan, il bambino scampato alla tragedia della funivia del Mottarone, debba essere un professionista esterno alle famiglie, in aperto conflitto per l’affido e la tutela del bambino.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il tutore di Eitan sarà un professionista estraneo alle due famiglie, la decisione del Tribunale di Milano

In occasione del reclamo presentato dalla famiglia materna di Eitan, che hanno contestato la nomina della zia Aya come tutrice legale, il Tribunale per i minorenni di Milano ha stabilito che il tutore debba essere un professionista che sia estraneo alle due famiglie in conflitto.

Il Tribunale ha altresì disposto che il minore debba essere collocato presso la zia. Questo significa che il bambino continuerà a vivere con la zia, che lo ha accudito dopo la tragedia delle funivia.

giustizia aula tribunali
giustizia aula tribunali

Decisione dettata dal rapporto conflittuale tra le due famiglie

I giudici hanno evidenziato che la decisione di individuare un tutore esterno si è resa necessaria per il rapporto fortemente conflittuale tra le due famiglie, con la famiglia materna che si era mossa per vie legali contro la nomina della zia Aya come tutrice legale.

L’elevatissima conflittualità manifestatasi successivamente all’iniziale nomina del tutore, ha reso necessaria l’individuazione di un soggetto terzo, visto che la contesa parentale insorta indubbiamente contribuisce a complicare ogni scelta personale, relazionale, economica ed educativa che dovrà essere assunta nel prioritario interesse del bambino, già così drammaticamente segnato dai tragici vissuti personali“, ha dichiarato il magistrato come riferito dall’Ansa.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-12-2021


Il marito le diede fuoco, Valentina Pitzalis riceve una mano bionica di nuova generazione

Giancarlo Magalli condannato per diffamazione aggravata