Salvini: “Chi si difende in casa sarà difeso anche dallo Stato”

Salvini sul Decreto Sicurezza: “Un ladro ti entra in casa o in negozio e tu ti difendi? Sarà tuo diritto farlo senza finire sotto processo”.

Continua a tenere banco in casa Lega il Decreto Sicurezza, firmato non senza remore anche da Mattarella che ha invitato il governo a guardare alla Costituzione senza tradirne i principi. Matteo Salvini aveva fatto sapere con un intervento sui social di essere intenzionato a rispettare la legge ma di non essere fesso.

Decreto Sicurezza, Matteo Salvini: “Chi si difende in casa propria sarà difeso anche dallo Stato”

La Lega spera di stringere i tempi e rendere effettivo il decreto già entro la fine dell’anno e Matteo Salvini continua a regalare indizi sul decreto: “Chi commette un crimine sa cosa rischia. Chi si difende in casa propria, sarà difeso anche dallo Stato. La difesa è sempre legittima, accertamenti e processi più rapidi, spese legali a carico dello Stato”.

Un ladro ti entra in casa, in azienda o in negozio e tu ti difendi? Sarà tuo diritto farlo – fa sapere Salvini -, senza finire sotto processo per anni e pagando di tasca tua”.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Pene più alte per i rapinatori

Salvini ha anche annunciato pene più alte per i rapinatori: “Pene più alte per ladri e rapinatori, delinquenti in prigione con obbligo di risarcimento alle vittime e stop invece alle richieste di rimborso da parte dei criminali e dei loro parenti“.

Il decreto in Aula a fine ottobre

Il testo del Decreto arriverà in Aula il prossimo 23 ottobre per essere discusso e approvato dalle opposizioni dopo il via libera di Movimento Cinque Stelle e Mattarella.

Fonte foto: https://www.facebook.com/giuseppe.tosello

ultimo aggiornamento: 07-10-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X