Enrico Letta a Repubblica delle Idee: “Sulla giustizia la ministra Cartabia ha fatto un buon lavoro”.

BOLOGNA – Enrico Letta protagonista a Repubblica delle Idee. Il leader del Pd ha affrontato diversi argomenti iniziando dal tema giustizia: “Con Conte il rapporto è positivo […]. Il Pd ha combattuto quello che era la logica di scambio tra prescrizione e legittima difesa che aveva partorito il governo gialloverde. In trent’anni non si è mai trovata la quadra politica […]. La ministra Cartabia ha fatto un buon lavoro e Conte non è l’unico a protestare, lo ha fatto anche Forza Italia. E se lo hanno fatto loro, non posso dire altro perché siamo alleati in questo momento […]“.

Il segretario del Pd sul ddl Zan

Il segretario del Pd ha parlato anche del ddl Zan: “Penso che chi oggi vuole cambiare la legge non lo stia dicendo con l’intenzione di migliorarla, ma semplicemente per affossarla. Non penso che ci sarà nessuna ritorsione anche perché il Parlamento è sovrano“.

Noi però – ha confermato Letta – non abbiamo intenzione di modificarla. In Parlamento pesiamo solamente il 12% e non possiamo fare miracoli. Quindi ricordatevelo quando si voterà, perché solo un Pd forte può cambiare le cose […]“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Enrico Letta
Enrico Letta

Letta sul blocco dei licenziamenti

L’ex premier ha affrontato anche un altro argomento molto delicato come quello del blocco dei licenziamenti: “Quanto successo alla Gkn di Campi di Bisenzio è inaccettabile. Era già accaduto con la Gianetti Ruote in Brianza. Se si continua così, dobbiamo rivedere la norma del 30 giugno che pone fine al blocco selettivo dei licenziamenti perché così si rischia di scalfire la voglia di ricostruzione che si percepisce in questo momento in Italia“.

“Un problema è anche capire chi siano i datori di lavoro – ha concluso Enrico Letta – se si tratta di fondi esteri diventa molto più difficile tutelare i lavoratori”.


Di Maio minacciato dall’Isis, Draghi: “Pieno sostegno al ministro. Impegnati contro il terrorismo”

Salvini contro Conte: “Vuole mandare Draghi a casa”