Ex Milan: Seedorf, la panchina del Camerun è in bilico

Ex Milan: Seedorf, la panchina del Camerun è in bilico

Acque agitate per l’ex milanista Clarence Seedorf, alla guida della nazionale del Camerun. L’olandese paga la prematura eliminaziona dalla Coppa d’Africa

Tempi duri per Clarence Seedorf, ex bandiera del Milan e poi tecnico dei rossoneri nella travagliata stagione 2013-2014. La prematura eliminazione della nazionale camerunese, guidata proprio dall’olandese, ha fatto molto rumore. I Leoni Indomabili sono stati sfortunati nei sorteggi, pescando la Nigeria già negli ottavi di finale. Uno scontro diretto perso per 3-2, nonostante il vantaggio firmato da Bakohen e N’Jie. Le reti di Ighalo e Iwobi hanno spalancato al Camerun le porte dell’eliminazione, scatenando feroci polemiche in patria.

Camerun, il ministro Kombi su Seedorf: “Non è fatto per questo lavoro”

Le parole più dure sono arrivate dalla bocca del ministro dello Sport locale Narcise Mouelle Kombi: il politico, ai microfoni dell’emittente nazionale CRTV ha aspramente criticato il tecnico. “La questione di mantenere Seedorf alla guida della nostra nazionale è sotto gli occhi di tutti. Non credo in base a tutte le circostanze che si sono venute a creare che si possa trovare una risposta in termini di rinnovo. Il suo mantenimento mi sembra problematico. Ho chiesto al presidente della Federazione di notificarglielo in modo conforme alle disposizioni del contratto”.

La nostra nazionale ha proposto un gioco inefficiente, monotono e prevedibile. Non c’era un vero leader nel gruppo. L’eliminazione agli Ottavi di Finale della Coppa d’Africa ha certificato l’incapacità dell’allenatore di costruire una squadra vincente. Ha dimostrato grande difficoltà nel controllare l’intero gruppo e nel portare ordine e disciplina: non è fatto per questo lavoro“.

Il Camerun è la quarta tappa da allenatore di Seedorf

Le sue esperienze da coach, finora, non sono state entusiasmanti. In rossonero, a dir la verità, Seedorf ha fatto bene ma ha finito per pagare una classifica che era ampiamente compromessa al suo arrivo. In 19 incontri di A l’olandese ha infatti ottenuto 11 vittorie, 6 ko e 2 pareggi, a cui si sommano le 3 sconfitte tra Coppa Italia e Champions League. Male, a livello numerico, le esperienze con Shenzen e Deportivo La Coruna.

ultimo aggiornamento: 16-07-2019

X