Falso allarme bomba nella sede di Repubblica, palazzo evacuato

Falso allarme bomba nella sede di Repubblica, palazzo evacuato

Falso allarme bomba nella sede di Repubblica. Palazzo evacuato per i controlli del caso, giornalisti e dipendenti rientrati.

ROMA – Attimi di paura a Roma per un presunto allarme bomba nella sede di Repubblica che poi si è rivelato falso. Il piano di evacuazione è scattato nel pomeriggio di mercoledì 15 gennaio 2020 con i giornalisti e i dipendenti che sono stati fatti uscire dal palazzo per effettuare tutti i controlli.

Le verifiche hanno confermato l’assenza dell’ordigno e per questo intorno alle 19:45 il personale è rientrato per concludere i lavori iniziati in giornata. La situazione sembra essere tornata alla normalità ma gli inquirenti hanno aperto un’indagine per cercare di risalire ai responsabili di questo falso allarme.

Falso allarme bomba nella sede di Repubblica

Non è la prima volta che il palazzo di Repubblica è protagonista di episodi simili. Alcuni indiscrezioni ipotizzano un collegamento tra la vicenda e il titolo prima pagina contro Matteo Salvini. La Procura ha aperto un’indagine per cercare di accertare meglio quanto accaduto nella sede del quotidiano italiano.

Toccherà ai magistrati chiarire il motivo di questo allarme bomba che, fortunatamente si è rivelato falso. Nelle prossime ore ci potrebbero essere importanti novità anche se non possiamo escludere in futuro altri episodi simili.

Artificieri
fonte foto https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

La nota del comitato di redazione

Subito dopo il falso allarme, il comitato di redazione ha pubblicato un comunicato ribadendo che da parte del quotidiano non ci sarà nessun passo indietro.

La sede centrale di Repubblica a Roma – si legge nella nota – è stata evacuata per un allarme bomba, scattato dopo una telefonata al centralino del nostro quotidiano, fortunatamente rivelatosi infondato. I lettori sappiano che nessuna intimidazione cambierà di una virgola il nostro modo di fare informazione libera e indipendente“. Una posizione ribadita più di una volta dallo stesso quotidiano italiano che è finito più volte nel mirino di falsi allarmi bomba.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

ultimo aggiornamento: 15-01-2020

X