Formula 1, l’analisi della Ferrari nel GP del Portogallo: primi segnali positivi dalla ‘Rossa’.

ROMA – Primi segnali positivi arrivati dalla Ferrari nel GP del Portogallo. Un weekend senza particolari sofferenze per la scuderia di Maranello, autrice della miglior gara di questa stagione. Non tanto per il posto di Leclerc (quarto), ma per la velocità ritrovata.

Le indicazioni arrivate dal Portogallo sono quelle giuste per proseguire sulla strada intrapresa. Gli aggiornamenti di Portimao saranno sviluppati nelle prossime settimane, con l’obiettivo di non sbagliare nel 2021. Prima, però, c’è da concludere al meglio la stagione in corso e cercare di conquistare almeno un podio.

Il weekend di Leclerc in Portogallo

Un weekend (quasi) perfetto in Portogallo. Le indicazioni positive erano arrivate già dalle prove libere e, poi, confermate in qualifiche. La Ferrari di Leclerc, infatti, è stata una delle poche a ottenere il Q3 con la mescola media.

Buona anche la gara del pilota monegasco. Il podio sembrava essere alla portata, ma una partenza non perfetta e una Red Bull in grande forma non hanno consentito a Leclerc di conquistare il terzo posto. La strategia poteva essere quella giusta, ma il rendimento della rossa ha un po’ scombussolato i piani di Maranello. Un quarto posto che può essere interpretato come un punto di partenza, anche se il cammino è ancora lungo.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Il weekend di Vettel in Portogallo

Qualche difficoltà in più, invece, Sebastian Vettel. Il tedesco non è riuscito ad ottenere le stesse prestazioni del compagno di squadra, chiudendo in decima posizione. Una gara non secondo le attese per il quattro volte campione del mondo, che potrebbe aver pagato una qualifica non perfetta.

A Imola sia Vettel che Leclerc dovranno confermare le indicazioni arrivate dal Portogallo. La speranza a Maranello è quella di aver intrapreso la strada giusta in vista del prossimo Mondiale.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Tempi notifica multe: quali sono i termini previsti per legge

F1, verso il GP di Imola: gli organizzatori sperano nella presenza del pubblico