Golfo Persico, tensione Usa-Iran: 500 soldati in Arabia Saudita

Golfo, gli Stati Uniti inviano 500 soldati in Arabia Saudita. L’Iran: “Non temiamo nessuno”

Altissima tensione in Golfo Persico dopo l’Arabia Saudita ha annunciato che accoglierà 500 militari americani. Teheran: “Non vogliamo la guerra ma…”.

GOLFO PERSICO – Non si placa la tensione nelle acque che dividono Arabia Saudita e Iran.

Soldati americani verso Riad

L’Arabia Saudita ha infatti annunciato che presto un contingente di 500 militari americani arriverà su suolo saudita.

Trump avvisa l’Iran

Il presidente americano Donald Trump ha parlato di Iran al telefono con l’omologo francese Emmanuel Macron e ha avvertito Teheran di non fare “nulla di stupido“, altrimenti “pagherà un prezzo che nessun altro ha mai pagato“. “Noi (americani) – ha ricordato il tycoon – abbiamo molte navi, navi da guerra, ma non molte petroliere” nello Stretto di Hormuz e nella regione del Golfo Persico.

La replica di Teheran

Il segretario del Consiglio iraniano per il discernimento ha avvertito che l’Iran non si tirerà indietro di fronte al nemico. “Non vogliamo la guerra – ha scritto su Twitter Mohsen Rezaei – ma non arretreremo di fronte al nemico che sia Saddam, Trump o la regina“.

Il sequestro nel Golfo Persico

La tensione nel Golfo Persico è nuovamente salita alle stelle dopo che i Guardiani della Rivoluzione iraniana hanno annunciato di aver sequestrato la petroliera britannica Stena Impero, con 23 persone a bordo, nello Stretto di Hormuz. La petroliera, secondo i pasdaran, “non ha rispettato il codice internazionale” e il sequestro è stato eseguito “su richiesta dell’autorità portuale e marittima della provincia di Hormozgan“. La petroliera, per i Guardiani della Rivoluzione, avrebbe spento il suo localizzatore e navigato passando per l’uscita piuttosto che per l’entrata dello Stretto ignorando gli avvertimenti.

ultimo aggiornamento: 20-07-2019

X