Il nuovo governo Meloni prende forma, ma sul tavolo ora diversi nomi per la scelta del nuovo ministro che metta tutti d’accordo.

L’obiettivo principale è donare al Paese un governo credibile e autorevole. Per fare ciò, è necessario scegliere all’interno della squadra altrettanto autorevoli che possano identificarsi nella politica economica del governo. Sì, ma, quale politica economica? I partiti del centrodestra saranno pure simili, ma con linee di pensiero talvolta divergenti.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

I tempi stringono e bisognerà trovare la soluzione più concreta per il nuovo governo. Sul tavolo diversi nomi tra quelli scelti come proposta di un nuovo ministro dell’Economia. E’ necessario trovare una figura credibile e autorevole, ma Giorgia Meloni mira anche e soprattutto ha cambiare sostanzialmente il volto da dare alla sua politica economica.

Tra i prescelti, al vertice troviamo l’attuale ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, una soluzione politica che avrebbe delle implicazioni importanti sugli equilibri della maggioranza. Tra le altre proposte ci sono anche Fabio Panetta, Domenico Siniscalco e Dario Scannapieco, ma nessuno di loro sembra rendersi disponibile per un’eventuale nomina. Gli ultimi due nomi emersi sono quelli di Gaetano Micciché e di Luigi Federico Signorini, lontani per storia professionale ma entrambi spendibili sul piano dell’autorevolezza.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Quale politica economica?

Nell’eventual caso la scelta cadesse su Giorgetti, la Meloni potrebbe contare su un ministro dell’Economia affidabile e con una buona reputazione. La Lega avrebbe il ministero centrale nell’azione di governo ma il leader Matteo Salvini dovrebbe sicuramente ridimensionare le sue ambizioni personali e quelle degli altri esponenti del Carroccio.

Ma il tema centrale su cui far ruotare qualsiasi decisione è: quale politica economica impostare per il nuovo governo? Sulla base delle premesse fatte durante le campagne elettorali, tra Fdi, Lega e Forza Italia divergono punti assolutamente incompatibili fra loro. Flat tax, scostamento di bilancio, legge Fornero e riduzione del carico fiscale sul lavoro. Tutti temi su cui ogni partito la pensa in maniera diversa.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-10-2022


Russia, Putin in trattative con il presidente degli Emirati Arabi Uniti

Terminato incontro G7 in difesa dell’Ucraina, Zelensky: “Serve scudo aereo”