Il Milan culla l’idea di riportare in rossonero Ibrahimovic, per dare alla squadra quell’esperienza e cinismo che ancora mancano: lo svedese ci pensa su

La notizia, data dalla Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna, ha avuto grande risalto. Il Milan ha infatti dato il via in maniera ufficiale all’operazione che, se riuscita, riporterebbe Zlatan Ibrahimovic al Diavolo otto anni dopo la sua partenza, mai del tutto digerita dai tifosi. Ieri c’è stato un primo incontro tra Boban, Maldini e l’agente Mino Raiola, tenutosi in un alberto della stazione centrale di Milano. I dirigenti rossoneri hanno anche già lavorato a una prima bozza di accordo da sottoporre al calciatore. L’ultima parola però, come sottolinea la Rosea, spetterà solo ed esclusivamente all’asso svedese.

Milan, il contatto con Ibrahimovic c’è stato: l’ultima parola però spetta a lui

Il contatto con Zlatan Ibrahimovic c’è stato, la trattativa avviata, anche se è una trattativa sui generis, e come sempre accade quando di mezzo c’è lo svedese, toccherà a lui l’ultima parola. Ibra si è sentito al telefono con Boban e ha promesso di decidere il suo futuro nel giro di un paio di settimane.

La prospettiva del ritorno al Milan per sei mesi, magari prolungabili di un’altra stagione (possibile ingaggio di 6 milioni per 18 mesi), è allettante ma rischiosa. A 38 anni tornare in Serie A potrebbe rivelarsi faticoso. E’ un passo che Ibrahimovic, dotato di forte orgoglio, compirà soltanto se sarà convinto di potercela fare“.

Ibrahimovic
https://www.facebook.com/ZlatanIbrahimovic/photos/a.204693916216684/963849803634421/?type=3&theater

I pro e contro dell’affare

Si tratta, da una parte, di una di quelle sfide che, nel caso in cui riuscissero, proietterebbe Ibrahimovic nella leggenda. Arrivare in soccorso di una squadra in difficoltà sulla soglia dei 40 anni e risollevarla, magari aiutando la società ad acciuffare la qualificazione alle Coppe europee, sarebbe un grandissimo risultato.

I rischi però ci sono. Come ha ben evidenziato la Gazzetta, infatti, la Serie A è un campionato ben diverso rispetto alla MLS. Riuscirà quindi Ibra a calarsi subito nella nostra infuocata realtà e a dare al Milan ciò che serve per risalire? Solo Zlatan può rispondere a questa domanda. La certezza è che non bisognerà pazientare molto per conoscere l’esito di questa trattativa.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio Ibrahimovic mercato milan Serie A

ultimo aggiornamento: 21-11-2019


Milan, rinnovo Donnarumma: ieri primo incontro con Raiola

Proiettile in una busta indirizzata ad Antonio Conte. Lettera partita da Firenze