Cessioni Milan, Paletta a un passo dal Torino

Il difensore italo-argentino ha trovato l’accordo con il club granata. Paletta percepirà 800 mila euro a stagione. Il 31enne era seguito anche da Atalanta e Genoa ma ha preferito sposare la causa del Torino.

chiudi

Caricamento Player...

A inizio settimana potrebbe arrivare l’ufficialità di una cessione in casa Milan: il difensore Gabriel Paletta ha infatti trovato l’accordo per il trasferimento al Torino. Secondo quanto riportato dalle emittenti di calciomercato, il club granata avrebbe affondato il colpo proponendo al 31enne di Buenos Aires un contratto da 800 mila euro netti a stagione per i prossimi tre anni. Pochi giorni fa, l’agente di Paletta, Martin Guastadisegno, aveva dichiarato: “Il Milan non ha intenzione di rinnovare il contratto a Paletta, così abbiamo chiesto di poter andare via. Il Genoa si è già mosso, ma non abbiamo ancora dato risposta perché ci sono tante squadre interessate a Gabriel. I rapporti col Milan sono ottimi, troveremo la soluzione migliore“.

Una stagione e mezza in rossonero

La carriera di Paletta nel Milan è stata all’insegna di alti e bassi. L’ex difensore centrale del Parma era sbarcato in rossonero nel gennaio del 2015 a prezzo di saldo, considerata la drammatica situazione finanziaria degli emiliani. Il classe ’86 si era contraddistinto come uno dei migliori centrali del campionato, tanto da essere convocato al Mondiale 2014, giocando anche una partita. Dopo sei mesi, nell’estate del 2015 Paletta era stato ceduto in prestito all’Atalanta: una stagione di rilancio e poi il rientro a Milanello sotto la gestione Montella. L’ex Boca Juniors è stato titolare inamovibile dell’undici rossonero, in coppia con il più giovane Romagnoli. Tuttavia, un temperamento eccessivo (5 espulsioni, ndr) e il mancato accordo per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2018, hanno messo Paletta sul mercato. Su di lui anche l’interesse di Atalanta e Genoa. L’opera di convincimento di Mihajlovic, alla ricerca di un difensore esperto, sembra abbia fatto la differenza.