Incontro tra i vertici della Figc, della Lega Serie A, della Fmsi e dei medici della massima serie. Il comunicato: “Generale condivisione delle proposte”.

Si conclude con una generale condivisione delle proposte l’incontro tra la Figc, la Lega Serie A, il presidente della Fmsi Maurizio Casasco e il rappresentante dei medici della massima serie, Gianni Nanni nel quale è stato analizzato il protocollo per la ripresa della massima serie ai tempi del coronavirus.

Serie A, il comunicato al termine del vertice Figc, Lega, Fmsi e medici

Di seguito il comunicato pubblicato sul sito della Lega

Si è tenuto questa mattina, in un clima di fattiva collaborazione, l’incontro tra la Figc, la Lega Serie A, il presidente della Fmsi Maurizio Casasco e il rappresentante dei medici della Serie A, Gianni Nanni. Sono stati analizzati i punti del protocollo difficilmente attuabili e sono state costruttivamente elaborate alcune integrazioni atte a risolvere problematiche oggettive. Vi è stata una generale condivisione delle proposte finali, formulate per garantire una ripresa in piena sicurezza degli allenamenti di gruppo, che verranno tempestivamente sottoposte al Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, al Ministro della Salute e al CTS.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Serie A 2019 2020
Fonte foto: https://www.facebook.com/SerieA

L’ultima parola al governo

L’ultima parola sulla ripresa del campionato spetta al governo, che si confronterà costantemente con il Comitato Tecnico Scientifico. La condivisione del protocollo rappresenta la condizione necessaria per il ritorno in campo, ma nelle ultime ore non sono mancate tensioni.

Proprio dal mondo del calcio sono arrivati dubbi sul protocollo, difficile da mettere in pratica. E alle condizioni poste potrebbe essere difficile portare a termine la stagione anche se dovesse riprendere il 13 giugno, come anticipato da Malagò.

TAG:
calcio news Juventus

ultimo aggiornamento: 15-05-2020


Milan, idea Nagelsmann per la panchina con Rangnick direttore tecnico

Caso Lazio, scattano i controlli sugli allenamenti