Influencer accusata di istigazione al suicidio dopo la pubblicazione di un video su TikTok con una sfida estrema.

ROMA – Una influencer è stata accusata di istigazione al suicidio dopo la pubblicazione di un video su TikTok con una sfida estrema. L’indagine è partita dalla Procura di Firenze che ha rintracciato la persona che ha pubblicato il filmato. Si tratta di una donna di 48 anni, madre di una bambina, originaria della provincia di Siracusa.

Il magistrato ha emesso un provvedimento urgente di perquisizione e il sequestro degli account social per verificare meglio la dinamica di quanto successo.

La vicenda

Come raccontato da La Repubblica, la 48enne ha pubblicato sui social un video con un uomo e una donna che si coprono il volto con il nastro adesivo trasparente. Un gesto che ha portato i due protagonisti a restare senza respiro per qualche secondo.

Una challenge molto pericolosa, soprattutto per i minorenni. La Procura di Firenze è riuscita a risalire all’identità dell’influencer e denunciarla con l’accusa di istigazione al suicidio. Sono in corso tutte le verifiche per accertare se si è trattato di un unico video o se in passato altri filmati simili sono stati pubblicati sui social.

TikTok logo
Fonte foto copertina: https://newsroom.tiktok.com/

Controlli rafforzati dopo la morte di una bambina a Palermo

I controlli sui social si sono rafforzati dopo la morte di una bambina di 10 anni nel Palermitano per un challenge su TikTok. Il Garante della privacy ha aperto un fascicolo per l’applicazione cinese e per Facebook e Instagram. Indagine che dovrà verificare tutti i passaggi che portano ad una persona a completare l’inscrizione.

Resta massima anche l’attenzione ai video e i giochi che in questi ultimi giorni sono stati pubblicati su TikTok. La prima ad essere denunciata con l’accusa di istigazione al suicidio è stata una influencer di 48 anni su indagine aperta dalla Procura di Firenze.

fonte foto copertina https://newsroom.tiktok.com/


Virus, il nuovo allarme dell’Oms: cos’è Nipah, quali sono i sintomi e come si trasmette

Allarme coronavirus nelle carceri, 110 casi nella struttura di Rebibbia