Lady Gaga, al secolo Stefani Joanne Angelina Germanotta, nasce a New York il 28 marzo 1986. Artista versatile, ha vinto un Premio Oscar.

Tanti auguri a Lady Gaga! L’attrice e cantante americana è infatti nata a New York il 28 marzo 1986.

Lady Gaga, la genesi del nome artistico

La 35enne all’anagrafe è Stefani Joanne Angelina Germanotta. Il padre è un imprenditore nel campo della ristorazione di origini italiane.
A vent’anni la nota il produttore Fusari e durante una riunione con lo staff l’artista decide di adottare il nome di Lady Gaga, traendo spunto dalla canzone Radio Ga Ga dei Queen.

Il successo musicale

La cantante americana debutta nel 2008, pubblicando The Fame. Il secondo album in studio della cantante, Born This Way, pubblicato nel 2011, ha raggiunto il primo posto negli Stati Uniti d’America e in altri venti stati. Anche i successivi album Artpop (2013), Cheek to Cheek (2014) e Joanne (2016), insieme alla colonna sonora A Star Is Born Soundtrack, hanno raggiunto la vetta della Billboard 200.

https://www.youtube.com/watch?v=bo_efYhYU2A&list=PLhcBPsRKi9mU4f2_3i0BZqaKWKG15R4GE&ab_channel=LadyGagaVEVO

Il Premio Oscar

Grazie al brano Shallow, primo estratto dalla colonna sonora A Star Is Born Soundtrack, ha vinto un Premio Oscar per la migliore canzone, nonché un Golden Globe e due Grammy Award.

La carriera televisiva

A livello cinematografico e televisivo, l’artista newyorkese ha debuttato con Men in Black 3 (2012), seguito da Machete Kills. La recitazione più famosa e importante è, come detto, quella con Bradley Cooper in A Star Is Born.
Lady Gaga è inoltre apparsa in singoli episodi de I Soprano, The Hills e Gossip Girl.

L’attivismo sociale e politico

Nota per il suo impegno, in particolare a favore della comunità LGBT, Lady Gaga è una aperta sostenitrice del Partito Democratico dai tempi di Obama. Alla cerimonia di insediamento presidenziale di Joe Biden ha cantato l’inno statunitense al Campidoglio.


Tre anni senza Fabrizio Frizzi, il conduttore tv se ne andava il 26 marzo 2018

Chi è Alessandro Sallusti, il direttore de ‘Il Giornale’