Mercato Inter, Icardi e Brozovic: le clausole rescissorie ora fanno paura

Icardi e Brozovic sono i due giocatori dell’Inter che fanno più gola alle altre squadre: i due possono andare via grazie alla clausola rescissoria

A poche ora dalla sfida contro la Juventus dell’Allianz Stadium, in casa Inter si pensa anche al futuro. Tra le situazioni che fanno maggiormente preoccupare il club nerazzurro ci sono Marcelo Brozovic e Mauro Icardi per via della presenza nei rispettivi contratti della clausola rescissoria pagabile dagli altri club.

Icardi pericolo Real in attesa del rinnovo

I rumors di mercato che coinvolgono il capitano nerazzurro non si contano nemmeno più. Da tempo ormai sull’attaccante argentino c’è l’interesse del Real Madrid che la prossima estate se non già a gennaio potrebbe decidere di affondare il colpo. Nel contratto del capitano nerazzurro la clausola rescissoria è pagabile solo dall’1 al 15 luglio ed al momento è di 110 milioni di euro.

Al momento perché c’è da capire cosa accadrà quando sarà trovato il nuovo accordo per il nuovo contratto. Le possibilità per quanto riguarda la clausola sono tre: o viene aumentata fino a 160-180 milioni o viene eliminata del tutto; più difficile la strada che porta terza ipotesi ossia che il valore della clausola rimanga quello attuale.

Nel primo caso, se dovesse arrivare un’offerta sarà lo stesso numero 9 a decidere se rimanere – come spesso volte ha avuto modo di ribadire – o di andare via. Nel caso in cui la clausola rescissoria verrebbe eliminata del tutto a quel punto spetterebbe ai dirigenti nerazzurri decidere se accettare o meno eventuali offerte, che però dovranno essere ben superiori ai 200 milioni.

INTER derby
INTER

Brozovic: clausola troppo bassa?

Al contrario del suo compagno di squadra nonché capitano, Marcelo Brozovic ha da poco rinnovato il suo contratto con l’Inter. Nel nuovo accordo siglato tra le parti e valido fino al 30 giugno 2022 è stata confermata la presenza della clausola rescissoria che come per l’attaccante argentino sarà pagabile soltanto dall’1 al 15 luglio ed è valida solo per i club esteri.

Il valore della clausola è di 60 milioni di euro in aumento di 10 milioni rispetto all’accordo precedente. Valore della clausola che, se il croato dovesse continuare a giocare su questi livelli qualche club proverà a pagare fermo restando che la decisione di accettare il trasferimento dipenderà unicamente dallla volotnà del calciatore.

ultimo aggiornamento: 07-12-2018

X