Mercato Milan: Kessie, la Premier è una possibile destinazione

Il futuro di Frank Kessie è sempre più in bilico. La pace con Biglia è quasi fatta, ma la sua permanenza in rossonero non è affatto scontata

Milan-Kessie, una storia d’amore che potrebbe essere ai titoli di coda. Le tensioni successive alla lite con Lucas Biglia sono ormai scemate: giovedì, infatti, è atteso il definitivo chiarimento tra i due. Il suo futuro al Milan, però, non è affatto scontato. La società rossonera, fra l’altro, potrebbe avere bisogno di piazzare qualche suo pezzo pregiato sul mercato, in modo tale da foraggiare una campagna acquisti estiva che, gioco forza, sarà importante. Proprio il nome di Kessie, al momento, sembra in cima alla lista dei possibili partenti.

QS: Kessie, destino in un club di Premier?

Il Quodiano Sportivo, nella sua edizione odierna, dà una indicazione importante in merito alle future prospettive di carriera del calciatore ivoriano, classe 1996.

Secondo il QS, la prossima destinazione di Kessie potrebbe essere la Premier League. Un campionato in cui un giocatore della sua stazza e forza fisica potrebbe esser messo nelle condizioni di fare ancora meglio. I due club potenzialmente interessati all’ivoriano sarebbero, al momento, Arsenal e Tottenham, come evidenziato nei giorni scorsi dal Corriere dello Sport.

Franck Kessié
Franck Kessié

Milan: le cifre di Kessie in stagione

Il prezzo che il Milan potrebbe richiedere per il colosso ivoriano è attorno ai 50 milioni di euro. Kessie, quest’anno, è stato uno dei giocatori più utilizzati da mister Gennaro Gattuso: elemento quasi insostituibile, anche a causa delle numerose defezioni che hanno impoverito il centrocampo dei rossoneri.

Per lui, in stagione, sono arrivate 26 presenze in Serie A, condite da ben 4 reti e 2 assist. Quindi, 3 presenze in Europa League e altrettante in Coppa Italia, assieme alla partecipazione alla finale di Supercoppa italiana contro la Juventus. Sono 2815 i minuti complessivamente giocati dalla mezzala ivoriana: con la Sampdoria, per lui, potrebbe però profilarsi un turno di riposo.

ultimo aggiornamento: 26-03-2019

X