Milan, una cessione per evitarne due…

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Mercato Milan, si pensa alla cessione di Alessio Romagnoli per evitare quelle di Suso e Donnarumma. Ma converrebbe davvero?

Mercato Milan, Alessio Romagnoli il sacrificato? Continuano le riflessioni di mercato in casa Milan, dove si attende con ansia il verdetto dell’UEFA per quanto riguarda le sanzioni e i termini del settlement agreement cui dovrà sottostare il club a partire dal prossimo mercato.

L’impressione è che, oltre alle cessioni collaterali, ossia quelle già programmate dei giocatori in eccesso e di quelli che faranno rientro dai prestiti, la dirigenza rossonera possa essere costretta a vendere anche qualche giocatore di peso, sia per quanto riguarda la valutazione del cartellino che per quanto riguarda lo stipendio.

Mercato Milan, la cessione di Alessio Romagnoli per evitare quella di Suso e Donnarumma?

Secondo quanto emerso nelle ultime ore, il Milan starebbe riflettendo sull’ipotesi di vendere Alessio Romagnoli. Il difensore rossonero ha una lunga fila di estimatrici e un valore di mercato che si aggira intorno ai quaranta milioni di euro.

I dirigenti del Milan sanno di poter vendere il giocatore per una cifra vicina ai sessanta milioni di euro, un sacrificio che consentirebbe a Massimiliano Mirabelli di trattenere sia Suso che Donnarumma, gli altri due grandi indiziati sulla lista delle possibili cessioni.

SUSO
SUSO

Mercato Milan, riflessioni sulle cessioni

La scelta del Milan è tutt’altro che semplice: Alessio Romagnoli rappresenta infatti una delle poche certezze della squadra e venderlo significherebbe indebolire in maniera importante una difesa che tante soddisfazioni ha regalato a Gennaro Gattuso in questa seconda parte di stagione.

Discorso diverso invece per quanto riguarda Suso e Donnarumma: il portiere azzurro in questo finale di stagione si è reso protagonista di un paio di interventi significativi ma nel complesso ha disputato una stagione al di sotto delle aspettative e probabilmente anche al di sotto delle sue potenzialità.

Suso invece ha trascinato la squadra fino a quando il fisico e la fantasia hanno retto, poi si è lasciato trascinare nel percorso involutivo della squadra.

L’impressione è che l’ex Liverpool costringa il Milan a giocare solo con un modulo e solo con un copione d’attacco, ormai facile da leggere per le difese avversarie.

Insomma, converrebbe davvero cedere Romagnoli?

Ricevi le ultime notizie sul Milan, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 24-04-2018

Nicolò Olia